Barista aggira il Dpcm, chiude a mezzanotte e riapre dopo 15′: si può fare

0
25

Barista aggira il Dpcm, chiude a mezzanotte e riapre dopo 15′: si può fare. La conferma arriva anche dai Vigili che non hanno potuto comminare la multa.

Barista beffa Dpcm
Barista aggira il Dpcm, chiude a mezzanotte e riapre dopo 15′: si può fare (Foto: Getty)

Il Governo ha appena varato il nuovo Dpcm per cercare di contenere la seconda ondata di coronavirus, abbattutasi sull’Italia. Come il resto d’Europa, anche il nostro Paese deve fare ora i conti con 10mila positivi al giorno e rischia di veder collassare il sistema sanitario, sempre sotto pressione per le terapie intensive. Per evitare un lockdown generalizzato, il premier Conte ha studiato con i suoi ministri un piano di chiusura parziale delle attività, imponendo anche un coprifuoco notturno, L’idea è quella di limitare la movida, grande moltiplicatore del virus tra i più giovani. Il problema è che a quanto pare non è stato tutto scritto nel dettaglio e la nuova legge dell’esecutivo manca di alcuni aspetti fondamentali. Aspetti che hanno permesso ad un barista di Catanzato di aggirarla piuttosto facilmente. Il protagonista si chiama Aldo Manoieri ed è il proprietario del Bar Plaza Cafè, sul litorale calabrese. Come da disposizioni i locali vanno chiusi massimo a mezzanotte, ma non è specificato a che ora devono riaprire. Ecco quindi che Manoieri ha deciso di tirar su la serranda appena 15 minuti dopo le 24, non contravvenendo a nessuna regola. I vigili non gli hanno potuto comminare alcuna multa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, si va verso un nuovo Dpcm: tutte le ipotesi in campo

Barista aggira il Dpcm, chiude a mezzanotte e riapre dopo 15 minuti: i vigili non gli fanno la multa

Barista aggira Dpcm
Barista aggira il Dpcm, chiude a mezzanotte e riapre dopo 15′: i vigili non gli fanno la multa (Foto: Getty)

Verrebbe da dire “fatta la legge trovato l’inganno”. Mai come in questa circostanza il detto calza a pennello. Lo stesso proprietario del bar di Catanzaro ha voluto spiegare la vicenda alla stampa locale. “Il presidente Conte e i suoi super ministri laureati non hanno pensato che oltre alla chiusura c’è una riapertura per i locali“.

Poi aggiunge: “Io ho chiuso regolarmente alla mezzanotte e l’ho fatto notare alle forze dell’ordine che pattugliavano la zona per far rispettare l’ordinanza ma nel Dpcm non è stato specificato quando un negozio può riaprire”.

L’imprenditore calabrese ha trovato una piccola falla nel sistema. Avendo un bar di solito aperto 24 ore non ha indicato sulla porta l’orario di apertura e chiusura. Ecco quindi che il Dpcm nel suo caso è facilmente aggirabile.

Manoieri ha intenzione di proseguire così anche nei prossimi giorni: “Mi adeguerò a quello che dice la legge e continuo a riaprire alle 00:15″.

Ovviamente questa storia è diventata immediatamente virale e sicuramente porterà il governo stesso a trovare delle contromisure.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, nuove regole per matrimoni e cerimonie: i dettagli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui