Napoli, ragazzi aggrediti da un gruppo di persone in pieno centro

0
42

Triste vicenda in pieno centro a Napoli, due ragazzi sono stati aggrediti da un gruppo per futili motivi

Napoli ragazzi aggrediti

Gianmarco Vitagliano e Johnathan Silvestro sono due amici che, come di consueto, decidono di fare un giro per il centro di Napoli. Con loro c’erano altri amici e Luca, fratello di Gianmarco. Il gruppo di amici passeggiava per via Mezzocannone quando, ad un certo punto, un uomo si avvicina a loro, con moglie e figlio a seguito, dicendo: “Ma p passà aggià vulà? N’agg capit. Facit passà ja”. (Per passare devo volare? Non ho capito. Fate passare dai, ndr).

Gianmarco, scrive sul proprio profilo Facebook, ha risposto cordialmente “Basta chiedere permesso comunque”. Evidentemente la cordialità e la gentilezza del 23enne non erano abituali per l’uomo che, a quel punto ha iniziato ad aggredire verbalmente il gruppo di amici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Omicidio Willy, la Finanza chiede il sequestro dei beni per la famiglia Bianchi 

Napoli, ragazzi aggrediti in pieno centro: la dinamica

https://www.facebook.com/100000978586731/posts/4490433607665881/

Era tardo pomeriggio quando il gruppo di amici, si sposta da via Mezzocannone a Piazza Bellini, dove incontrano una seconda volta quell’uomo. Quest’ultimo “inizia a sbraitare, a lamentarsi”, scrive Gianmarco e in un batter d’occhio si trovano accerchiati da un gruppo di ragazzi. È qui che i ragazzi, in men che non si dica, vengono aggrediti, così come descritto dal ragazzo nel post: “Uno di loro mi prende per il collo, mi stringe. Mi arrivano tre pugni in faccia, tra il naso ed il muso ed una ginocchiata”.

Ennesimo atto di violenza in pochi giorni in Italia, che sta vivendo un periodo di declino non indifferente. Se in molti credevano che una pandemia ci avrebbe resi persone migliori, i fatti di cronaca sono sempre gli stessi, forse molto più frequenti. Gianmarco, studente di Relazioni Internazionali all’Orientale di Napoli, fa una giusta osservazione: “Ho avuto l’ennesima prova di come il vuoto istituzionale, quello che ha ucciso Willy e Maria Paola, sia un problema”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui