Viviana e Gioele, a Chi l’ha visto i familiari protestano

La morte di Viviana Parisi e del piccolo Gioele rimane avvolta nel mistero, ma intanto a Chi l’ha visto i familiari esprimono dubbi sui soccorsi

Gioele Incidente

C’è ancora molto da chiarire sulla tragica fine di Viviana Parisi e del piccolo Gioele, suo figlio. Ma intanto i famigliari della donna e del piccolo con il passare dei giorni accrescono i lori dibbi. E questa sera a ‘Chi l’ha visto‘ hanno espresso  le loro critiche soprattutto sul modo in ci sono state svolte le loro ricerche.

Assolutamente inconcludenti, le ha definite Daniele Mondello, marito di Viviana e padre di Gioele: “Voglio cogliere l’opportunità per dire che le ricerche sono state del tutto inefficaci. Il signore che ha trovato mio figlio lo ha trovato con un falcetto”, ha spiegato.

Uno dei molti punti oscuri che è stato sottolineato dal nonno e da una zia del piccolo. Anche loro avrebbero voluto unirsi alle ricerche, ma è stato loro vietato di farle. Erano in macchina per raggiungere il luogo della scomparsa, sono stati bloccati e rimandati a casa. Invece i primi momenti sarebbero stati fondamentali, soprattutto se il bambino fosse stato ancora vivo. E Mariella, sorella di Daniele Mondello, fa un  paragone forte: “Mio fratello è stato trattato come Parolisi“. Nei primi giorni infatti qualcuno aveva anche avanzagto il sospetto che potesse in qualche modo essere coinvolto nella scomparsa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Viviana Parisi, nessuna traccia del sangue di Gioele nell’auto: diverse ipotesi al vaglio

Viviana e Gioele, i rimpianti della famiglia sulla lentezza delle ricerche ma il padre non ha nessun dubbio

Quello che la famiglia Mondello non sopporta è il dubbio che nei primi giorni sia stato perso tempo prezioso. Le ricerche erano svolte soltanto di giorno, la sera si bloccavano e così sia Viviana che Gioele sono stato trovati, secondo i parenti, con colpevole ritardo.

L’intervento degli animali, che hanno fatto strazio dei due corpi, rebderà anche molto più difficiole risalire alle cause della doppia tragedia. E invece non sarebbe stato diffcile ritrovare Viviana e Gioele, perché erano rimasti vicino alla zona dell’incidente stradale che aveva visto coinvolta la vettura della donna.

Viviana parisi padre
Le crisi mistiche che colpivano la donna (Foto: Facebook)

Come ha spiegato la zia, il volontario che ha trovato Gioele ha anche raccontato di essere stato richiamato dal cattivo odore. Secondo lei è segno che i cani non sono stati utilizzati nella maniera corretta. Avrebbero dovuto lavorare al mattinol presto, senza la calura, e finire la sera tardi ma non lo facevano.

Di una cosa alla fine Daniele Mondello è certo: “Mia moglie non avrebbe mai toccato mio figlio Gioele neanche con un dito. Avrei voluto trovarli io, ma mi è stato impedito”. Adesso aspetta risposte almeno dall’inchiesta almeno per chiarire i contorni della tragedia.