UE, violano regole anti-Covid: dimissioni per due ministri

UE, è terremoto nella commissione internazionale. Si dimettono infatti i ministri Phil Hogan e Dara Calleary. Il motivo è uno scandalo che ha visto entrambi violare le norme anti-coronavirus. 

Phil Hogan (Getty Images)

Phil Hogan, commissario irlandese al commercio dell’Unione Europea, si dimette. Ad annunciarlo è stato lo stesso politico dopo uno scandalo nazionale. Il dirigente, infatti, ha preso parte a una cena con 80 persone violando clamorosamente le attuali norme anti-coronavirus e scatenando l’indignazione nazionale.

https://www.facebook.com/PhilHoganEU/posts/3050475845074736

UE, si dimettono i ministri Hogan e Calleary

L’evento si è tenuto presso un golf club del Parlamento locale a Galway, ed è andato ben oltre le direttive vigenti che consentono un assembramento di massimo sei persone. Per il medesimo motivo si è dimesso anche il ministro dell’agricoltura, Dara Calleary, che anche ha presenziato all’incontro.

Potrebbe interessarti anche —-> Hong Kong, 16 arresti per le proteste: ci sono anche due deputati 

“Questa sera ho presentato le mie dimissioni da commissario dell’UE per il Commercio al presidente della commissione, la dottoressa Ursula von der Leyen. La controversia sulla mia recente visita in Irlanda sta diventando una distrazione dal mio lavoro e ciò avrebbe minato il mio operato nei prossimi mesi chiave”, ha riferito Hogan in un comunicato ufficiale.

“Sono profondamente dispiaciuto che il mio viaggio in Irlanda abbia causato tanta preoccupazione e turbamento. Ho sempre cercato di rispettare le regole e pensavo di avderlo fatto anche in occasione della serata rispettando tutte le linee guida della salute pubblica, soprattutto dopo aver avuto la conferma di un test negativo”, ha aggiunto.

Il problema, però, è che così facendo l’uomo ha anche violato il lockdown locale essendosi spostato dalla contea di Kildare dove risiedeva. La sua uscita ora giunge in un momento delicato per la commissione continentale e la politica europea. Hogan, in particolare, era incaricato nel ricucire le relazioni con gli Stati Uniti dopo i recenti dissidi.

Leggi anche —-> Legge di Bilancio, caldo il tema tasse: come sarà la nuova manovra