Gorilla Glass Victus, il nuovo vetro protegge lo schermo dello smartphone dai graffi

La Corning, azienda leader nella realizzazione di vetri protettivi, presenta la nuova generazione. L’obiettivo è proteggere lo schermo degli smartphone dai graffi.

graffi schermo smartphone
(screenshot da YouTube)

Il cosiddetto Gorilla Glass, realizzato dalla Corning, è uno dei nostri migliori amici. Probabilmente lo sanno in pochi, ma il vetro temperato che protegge lo schermo degli smartphone è il frutto di lunghe ricerche in continua evoluzione. Può suonare strano, ma proprio il quel vetro c’è tanta tecnologia. E ancor di più ce n’è nella nuova generazione di Gorilla Glass, battezzata Victus.

Se inizialmente gli sforzi del produttore erano concentrati nel creare un vetro in grado di proteggere i dispositivi dalle cadute, il focus si è ora spostato sui graffi. Soprattutto quelli più piccoli, estremamente fastidiosi alla vista e spesso propedeutici a danni più seri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Telegram, arriva la versione 6.3: tutte le novità dell’aggiornamento

Al debutto la nuova generazione di vetri protettivi per gli schermi degli smartphone

Alla base del cambio di direzione nel progettare i vetri protettivi, un nuovo trend riscontrato negli ultimi anni: la vita degli smartphone si è allungata. O meglio, li teniamo per più tempo prima di sostituirli con un nuovo modello. Da qui la volontà, come ovvio che sia, di tenere il proprio telefono nelle migliori condizioni possibili, soprattutto se si ha in mente di rivenderlo sul mercato dell’usato dopo qualche anno di onorato servizio.

Due i tipi di graffi su cui si è concentrata la Corning: i micro-graffi (visibili solo controluce) e quelli laterali, solitamente più profondi. La nuova generazione di Gorilla Glass promette una resistenza ai graffi due volte superiore rispetto all’attuale, così come la capacità di cadere da 2 metri di altezza (1.6 nelle versioni precedenti) senza riportare danni.

La prima azienda ad utilizzare il Victus, stando alle indiscrezioni, dovrebbe essere la Samsung, impiegandolo sul prossimo Galaxy Note 20 Ultra.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Smartphone, la lista di modelli che emanano più radiazioni: sfilza di Xiaomi