Covid, Ricciardi: “Rischio zona rossa anche nei luoghi di villeggiatura”

Walter Ricciardi avverte sulla possibile nascita di nuovi focolai da Covid che potrebbero far creare una zona rossa anche nelle mete di villeggiatura

Coronavirus Usa
Controlli Covid-19 (via Getty Images)

Il consulente del Ministero della Salute, Walter Ricciardi lancia l’allarme su nuovi possibili focolai da Covid che potrebbero creare una zona rossa anche nei luoghi di villeggiatura. Ricciardi in particolar modo lamenta la quasi totale assenza di sanzioni in proporzione al numero di controlli fatti dalle forze dell’ordine. In questo modo, sostiene il consulente, il rischio è che l’Italia possa ritrovarsi ai livelli di contagi registrati in Catalogna o in Israele. Nel caso in cui infatti i focolai di Covid si accendessero nuovamente nelle diverse zone del paese sarebbe difficile riuscire a mantenere il controllo.

LEGGI ANCHE -> Coronavirus, Lazio: multe a chi non usa la mascherina in compagnia

Il rischio di una zona rossa nei luoghi di villeggiatura

covid-19 oms
Covid-19 (Getty Images)

Una delle ipotesi peggiori che Ricciardi propone è quella di focolai sparsi che potrebbero costringere a creare zone rosse anche nelle città mete di villeggiatura. “È bene che tutti si diano una regolata – ha dichiarato Ricciardi – altrimenti potremmo restare intrappolati in un luogo di villeggiatura se dovesse rientrare nella zona rossa“. Per quanto riguarda poi le vacanze all’estero che interesseranno milioni di italiani il consulente ha avvertito che l’Italia fornirà una black list. L’elenco dei paesi maggiormente a rischio sarà aggiornato regolarmente affinché la situazione resti sotto controllo. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, tra i paesi maggiormente colpiti dal Covid nel mondo, nella black list saranno inseriti solo gli stati con una situazione maggiormente preoccupante, come ad esempio quelli del sud.

LEGGI ANCHE -> Coronavirus, Roma vittima di teppisti che sputano sulle auto