CONDIVIDI

Morta a soli 27 anni Lara van Ruijven, campionessa del mondo dello short track un anno fa nei 500 metri. Fatale un malore in allenamento

Lara van Ruijven è moprta a soli 27 anni (Getty Images)

Morta Lara van Ruijven, atleta molto nota nello short track per il suo bronzo olimpico e il suo oro mondiale un anno fa. La 27enne olandese era stata male a fine giugno mentre era in allenamento in Francia insieme alla sua nazionale. E nonostante l’immediato ricovero in ospedale non c’è stato nulla da fare.

L’ennesima tragedia che colpisce il mondo delle discipline invernali ha avuto il suo epilogo all’ospoedale di Perpignan. Il 1° luglio Lara, che era in ritiro a Fonte Rolmeu (Pireneui francesi) eda stata male all’improvviso. Soffriva di un disturbo autoimmune che è degenerato provocando da subito gravi complicazioni.

Van Ruijven è stata ricoverata in ospedale il 25 giugno e dal 29 era stata trasferita in un reparto di terapia intensiva dove era in coma. Ha avuto sanguinamenti interni, emorragie nel cervello, e ha subito diversi interventi chirurgici, come hanno fatto sapere  comunicati stampa della federazione.

Paste the following code before the "" or "" tag

La situazione era apparsa drammatica fin dai primi momenti e oggi è arrivata la notizia del suo decesso. “È assolutamente incomprensibile che ci sia stata tolta mentre era nel pieno della sua vita”, ha commentato la direttrice olandese di pattinaggio, Herman de Haan.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morto Alex Pullin: il campione del mondo di snowboard aveva 32 anni

Lara van Ruijven, un bronzo olimpico e un oro mondiale contro le azzurre

Lara van Ruijven era nata a Naaldwijk e si è diplamata in un college di Den Haag (L’Aja). A diciassette anni si è trasferita a Heerenveen, il tempio del pattinaggio olandese, per  dedicatrsi totalmente allo short track e i risultati sono arrivati subito. Nei Mondiali Junior 2010 dove è arrivata seconda nei 500 metri e sesta nella classifica generale. Poi con la squadra olandese è diventata campionessa europea di staffetta nel 2013 e 2014 e ha vinto l’argento nel 2015.

Ha anche partecipato ai Giochi olimpici invernali di Sochi 2014, gareggiando nei 500 metri e ai mondiali di Montréal 2018 ha vinto la medaglia d’argento nella staffetta 3000 metri. Un successo confermato anche alle Olimpiadi di Pyeongchang 2018 quando ha vinto la medaglia di bronzo sempre nella staffetta 3000 metri.

Lara van Rujiven era stata campionessa mondiale nel 2019 (Getty Images)

Il suo capolavoro a marzo del 2019 nei Mondiali di Sofia. Si è laureta campionessa mondiale a Sofia 2019 sui 500 metri battendo la cinese Fan Kexin e la connazionale Suzanne Schulting. In realtà al primo posto era arrivata l’azzurra Martina Valcepina. Ma dopo il treplay dell’arroivo era stata squalificata per aver alzato un gomito danneggiando la ragazza olandese.

E su Twitter oggi Suzanne Schulting, campionessa olimpica dei 1000 metri a PyeongChang 2018 e sua compagna in tante battaglie la ricorda così: “Riposa in pace dolce Lara. Una volta mi hai detto, prima del mio debutto in finale nella staffetta del campionato europeo, che sarebbe andato bene. E io te l’ho detto 2 settimane fa. Ma non ha funzionato .. Mi mancherai tanto cara Lara. Ti amo“.