Germania, dipendente della Merkel sospettato di essere una spia

In Germania, i servizi interni accusano un dipendente della Merkel di essere una spia dei servizi segreti esteri. Il quotidiano Bild è riuscito ad aggiungere altre informazioni sulla vicenda. 

Getty Images

In Germania è appena scoppiata una spy story che farà sicuramente discutere per molto tempo. Uno dei componenti dello staff dell’ufficio stampa di Angela Merkel è infatti accusato di essere una spia dell’Egitto. La notizia è stata resa pubblica dal Ministro Horst Seehoofer. L’accusa viene direttamente da un rapporto redatto dai servizi segreti tedeschi.

Va però precisato che il dossier in questione, identifica in questa persona al momento un semplice sospettato. In ogni caso, nel rapporto si racconta che già nel dicembre 2019 i servizi interni della Germania avevano preso delle misure cautelative nei suoi confronti. Il quotidiano Bild, è riuscito però ad aggiungere altre informazioni sulla vicenda. Queste sono state divulgate sul loro sito on line. 

Leggi anche: Coronavirus, positiva la presidente della Bolivia Jeanine Ainez

Germania, una spia nell’ufficio della Merkel: le rivelazione di Bild

Getty Images

Secondo quanto riporta il giornale tedesco, l’uomo sospettato di far parte dei servizi segreti egiziani avrebbe lavorato per l’ufficio stampa della Cancelleria, gestito direttamente dal vice della Merkel Steffen Seiber.

Bild ha inoltre scritto che sul suolo tedesco sono attivi da molto tempo i servizi segreti egiziani conosciuti con le denominazioni di GIS e NSS. Non è ancora chiaro, nel caso in cui le accuse fossero confermate, che tipo di dati l’uomo avesse intenzione di raccogliere. In ogni caso, è evidente che nel ruolo che ricopriva, riusciva ad avere accesso a molte informazioni sensibili. Tra queste, ad esempio tutti i dati e le generalità dei giornalisti in esilio che si registravano presso la cancelleria.

Angela Merkel per il momento non ha ancora commentato la vicenda.

Leggi anche: Iran, esplode un deposito missilistico a Teheran: la causa