Liverpool, il club denuncia i festeggiamenti dei tifosi: “C’è ancora il Covid”

Il Liverpool ha vinto aritmeticamente la Premier League dopo 30 anni. La lunga notte di festeggiamenti dei tifosi ha portato a un duro comunicato del club inglese

liverpool tifosi
Liverpool, dura nota del club contro i tifosi (Getty Images)

Dopo un annata giocata nel migliore dei modi, l’emergenza Coronavirus aveva fatto temere il peggio ai tifosi del Liverpool. Lo stop alla competizione, con successiva sospensione di alcuni campionati europei, faceva presagire un destino simile anche per la Premier League. Una beffa, considerando quanto poco mancava per la vittoria aritmetica del titolo, a 30 anni dall’ultima volta.

Alla fine il calcio è tornato, e la vittoria per 4-0 contro il Crystal Palace, unita alla sconfitta del Manchester City contro il Chelsea, ha decretato i Reds campioni d’Inghilterra. Nonostante le misure anti Coronavirus, i tifosi non hanno potuto far altro che riversarsi nelle strade a festeggiare una vittoria attesa per oltre un quarto di secolo. Il club inglese, poco fa, ha però rilasciato un duro comunicato che va contro i comportamenti visti nella notte di giovedì.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus-Lecce 4-0: highlights, voti e tabellino

Liverpool, il comunicato ufficiale: “L’emergenza Coronavirus c’è ancora”

liverpool tifosi
La nota ufficiale del club (Getty Images)

La lunga notte di festeggiamenti dei tifosi del Liverpool per la Premier League conquistata non è andata già al club inglese. Con una nota ufficiale sul proprio sito web, i Reds si sono dissociati dai comportamenti di alcuni tifosi, denunciando coloro che non hanno rispettato le misure anti Coronavirus. “Migliaia di persone al Pier Head si sono riunite mettendo a repentaglio la salute di tutti” si legge nella nota: “Sono comportamenti assolutamente da evitare, a Liverpool l’emergenza sanitaria c’è ancora“.

Il club vincitore dell’ultima edizione della Champions League ha poi promesso i dovuti festeggiamenti con i giocatori, ma solo quando sarà possibile farlo. “Faremo la sfilata sul bus, ma solo nel momento in cui sarà consentito” continua la nota: “La salute di tutti e la sicurezza delle persone rimane la nostra priorità al momento“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Calciomercato Napoli, clamoroso scambio con la Roma: coinvolte due punte