Covid-19, New York: postazioni mobili in strada per effettuare i test

Una delle città maggiormente colpite dal Covid-19. New York si appresta ad effettuare test su larga scala, come annunciato dal sindaco Bill De Blasio. I dettagli del piano sanitario.

covid-19 new york
Foto di Free-Photos da Pixabay

L’obiettivo è quello di eseguire test su quanti più newyorchesi possibile, rendendone l’accesso più semplice. E’ questa la strategia annunciata dal primo cittadino della Grande Mela, Bill De Blasio, cominciando dai quartieri che hanno registrato il numero maggiore di casi positivi al Coronavirus.

Alla base di questa campagna ci saranno i presidi mobili, dei camion appositamente allestiti per eseguire i test al loro interno, andando così incontro alle esigenze dei cittadini. Una soluzione ottimale per raggiungere anche i residenti dei quartieri periferici o meno attrezzati dal punto di vista delle infrastrutture sanitarie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Caso George Floyd, nuove proteste negli USA: morte 2 persone a Chicago

Covid-19 New York, De Blasio: “Voglio che sia testato ogni cittadino”

covid-19 new york
Foto di Free-Photos da Pixabay

Le postazioni mobili sono già state sperimentate con successo in altri paesi del mondo, dimostrando come diventi più facile portare le persone ad effettuare i test necessari. A New York si comincerà la prossima settimana con i primi due camion, dislocati rispettivamente nei quartieri di Soundview e Kew Gardens. “Puoi letteralmente rimanere nel tuo quartiere e i camion per i test verranno da te”, ha detto de Blasio.

L’obiettivo è ovviamente quello di ampliare la flotta dei veicoli in breve tempo, arrivando a 10 postazioni già nel mese di luglio. A regime, ogni postazione mobile sarà in grado di effettuare autonomamente fino a 80 test al giorno. “Voglio che tutti i newyorchesi vengano testati” ha spiegato ancora il sindaco, raccontando come l’idea sia nata dopo un confronto tra le autorità e le comunità locali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Codogno, effettuato il tampone sul caso sospetto: i risultati