Coronavirus, ordinanza a Sassari: via libera alle passeggiate 

Coronavirus, svolta a Sassari: da domenica saranno possibili anche le passeggiate e non solo. In vista della fase 2 nazionale, arriva già un’importante ordinanza dall’amministrazione cittadina. 

coronavirus viminale rettifica
Coronavirus, arriva il bonus figli (Getty Images)

Passeggiate autorizzate a Sassari in vista della fase 2. Lo saranno in particolare da dopo domani, domenica 26 aprile, come ha predisposto il sindaco Nanni Campus attraverso un’ordinanza già ufficializzata.

covid zaia mascherine
(Unsplash)

Coronavirus, ok a passeggiate a Sassari

Via libera anche all’attività fisica nei pressi della propria abitazione. “La decisione – spiega l’amministrazione – è stata presa a seguito del netto miglioramento dei dati sul contagio in città. Sassari aveva adottato da subito misure più restrittive rispetto a quelle previste dai Dpcm, come il divieto di attività fisica all’aperto o la chiusura dei parchi pubblici, ma poi anche le normative nazionali hanno ristretto le maglie dei divieti”. 

Una severità, secondo il primo cittadino, che ha permesso oggi di tornare ad aprire la città sarda e permettere alle persone di avere un minimo di libertà. Così le mamme o i papà, per esempio, potranno finalmente accompagnare a turno un figlio a fare una passeggiata chiaramente ravvicinata e non troppo duratura. Il tutto, ovvio, rispettando il distanziamento sociale e utilizzando guanti e mascherine.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, Robert Koch Institut avvisa: “Purtroppo non è finita”

Servirà comunque equilibrio e buonsenso in questa fase, dal momento che la curve epidemiologica è in discesa ma non certo sparita. Ma il momento è comunque propizio per riaffacciarsi fuori casa, e così ne è nato il via libera: “Oggi il primo cittadino, confortato dai numeri sui contagi, ritiene che sia arrivato il momento di allentare in parte i divieti e così da domenica sarà possibile svolgere attività motoria o passeggiare, individualmente nelle immediate vicinanze della propria abitazione, mantenendo una distanza di almeno un metro dalle altre persone”.