Covid-19, a New York primi animali domestici positivi: si tratta di due gatti

Negli Stati Uniti, sono stati registrati i primi casi di animali domestici positivi al Covid-19: si tratta di due gatti a New York

covid-19 animali domestici
New York, primi animali domestici positivi al Covid-19: si tratta di due gatti (Pixabay)

Il Covid-19 continua ad essere un problema molto serio in tantissimi Paesi. Gli Stati Uniti sono il territorio maggiormente colpito, con il numero relativo ai contagi più alto rispetto al resto del pianeta. Ma i dati non contano più solo gli esseri umani. Da New York, infatti, arriva la notizia che anche due animali domestici sono risultati positivi al test del Coronavirus. Si tratta di due gatti residenti in due zone diverse della metropoli americana.

Il primo dei due gatti è stato sottoposto ai test da parte dei veterinari a seguito di alcune difficoltà respiratorie. Per il secondo, invece, si tratta di controlli in seguito alla positività del padrone. Entrambi sono risultati positivi ma, rassicurano i medici, gli animali domestici non rappresentano un rischio. Infatti, per quanto riguarda il primo gatto, tutti i membri del suo nucleo familiare sono risultati negativi. Mentre per il caso del secondo gatto, un altro felino si trovava nella stessa abitazione, ma il test ha dato esito negativo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, attività all’aperto: dal 4 maggio libertà anche per i più piccoli

Covid-19 e animali domestici, l’Iss rassicura: “Non rappresentano un rischio per l’uomo”

covid-19 animali domestici
L’Iss ha tenuto a fare chiarezza, dichiarando che gli animali domestici non rappresentano un rischio a livello epidemiologico (Pixabay)

A seguito della notizia di due felini positivi al test del tampone per il Covid-19 a New York, l’Istituto superiore di Sanità ha voluto fare chiarezza sui rischi epidemiologici rappresentati dagli animali domestici. “Non esistono evidenze in questo senso” spiega l’Iss: “animali sono esposti a rischio tramite contatto con persone infette, ma non possono contagiare a loro volta“.

Ma non solo. Secondo l’Iss la presenza di animali domestici, in un periodo di lockdown forzato, rappresenta una fonte di benessere molto importante e da non sottovalutare. È necessario, per tutelare la loro salute, attuare alcune precauzioni, soprattutto se si è positivi. Evitare troppi contatti potrebbe essere utile in questo senso, in quanto la distanza troppo ravvicinata con persone infette può rappresentare un rischio anche per gli animali.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, lo studio: in Spagna circolava già dal 15 febbraio