Alberto Angela racconta il suo dramma: “Ho rischiato di morire”

0

Alberto Angela racconta la sua disavventura in Africa, risalente al 2002: il dramma uno dei volti più amati della tv italiana 

alberto angela
Torna Alberto Angela su Rai 1 (via Rai.it)

E’ uno dei personaggi televisivi più amati dagli italiani, che da decenni insieme a suo padre racconta le bellezze del mondo e divulga la conoscenza scientifica. Alberto Angela, oggi 58enne, in passato se l’è vista davvero brutta. Il conduttore tv, scrittore e paleontologo nato a Parigi, in un’intervista rilasciata al settimanale ‘DiPiù‘ ha raccontato la sua disavventura vissuta in Africa nel 2002. “Ho rischiato di essere ucciso quando ero in Niger, sono sequestrato e picchiato da dei criminali. Ho seriamente pensato di non poter più rivedere la mi famiglia”. I fatti risalgono a 18 anni fa, quando Angela si trovava nel Paese africano per girare una puntata del programma ‘Ulisse, il piacere della scoperta‘.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Africa, situazione Coronavirus a rischio: “Medici non sanno usare i tamponi”

Alberto Angela e il suo dramma: sequestrato e picchiato in Africa

alberto angela
Alberto Angela racconta il suo dramma (Foto Facebook)

Un’esperienza davvero drammatica per un personaggio che da molti anni intrattiene i telespettatori con programmi scientifici e culturali. Alberto Angela si trovava in Niger nel febbraio del 2002 per girare le riprese della sua trasmissione quando, insieme ad altri sei operatori è stato picchiato e rapinato da tre malviventi armati. Per fortuna la vicenda ha avuto un lieto fine, visto che nessuno è rimasto gravemente ferito, ma il ricordo di quell’esperienza è rimasto indelebile.

LEGGI ANCHE >>> Milano, omicidio nella notte: uccide la moglie e si costituisce

Abbiamo trascorso 15 ore da Arancia meccanica: siamo stati sequestrati, picchiati, derubati e minacciati di morte. Ci hanno rubato tutto quello che avevamo, è stata una tortura psicologica“. Attimi di terrore, che sembrano le scene di un film: “Eravamo su un percorso conosciuto, frequentato solitamente da turisti, che tutti ci avevano detto essere sicuro. In pieno deserto siamo stati attaccati da un veicolo con a bordo tre persone, armate di kalashnikov e pistole”. Per Angela l’avventura ha regalato anche un insegnamento: “Mi ha portato a riflettere molto sul valore delle vita e ad apprezzarla di più”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui