Covid, italiani più generosi che mai: donazioni da record

0

Il Covid 19 ha reso gli italiani più generosi che mai, diversi sono i milioni raccolti grazie alle donazioni per il supporto del paese durante questa emergenza

Covid donazioni
Covid donazioni

La piattaforma Italia non profit ha condotto uno studio ed elaborato dei dati riguardo le donazioni compiute dalle persone del nostro paese. Addirittura, pare che, volendo fare paragoni, dalla crisi del Dopoguerra, quello attuale si sta rivelando il maggiore evento solidale della storia italiana degli ultimi due secoli. Sono stati infatti già donati oltre 657 milioni ed attivate 801 iniziative di filantropia (i dati sono validi fino al 15 aprile). La fondatrice della piattaforma, Giulia Frangione, ha ammesso: “Gli italiani vogliono sentirsi partecipi di uno sforzo comune ed i dati servono a dare un ulteriore segnale positivo”. Inoltre starebbe nascendo un senso crescente di consapevolezza nella mente delle persone.

Volendo analizzare l’obiettivo delle donazioni, bisogna dire che 470 iniziative di aiuto sono state rivolte a ospedali. 170 in favore di enti non profit, 131 con beneficiari cittadini e famiglie. Invece 94 per la Pubblica Amministrazione, 72 alla Protezione Civile, 32 alle aziende, 24 a scuole e 7 alle Università. Le donazioni arrivano soprattutto in denaro (ad ora 386), ma ci sono anche donazioni di beni (163), 141 donazioni di servizi, 69 fondi, 27 bandi, 15 crediti ed agevolazioni.

Covid, anche dal resto del mondo le donazioni non mancano

Cristo Redentore Italia

Non solo monumenti colorati, grazie alle luci, con i colori della bandiera italiana. Da parte di diverse nazioni a livello mondiale sono arrivati anche aiuti economici. I dati indicano infatti che sono oltre 113mila visite da tutto il mondo per donazioni in generale e oltre 22mila che hanno poi proseguito la navigazione sulle singole raccolte fondi. I paesi che hanno fatto registrare maggiori visite sono stati Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Svizzera e Francia.

Diverse strutture hanno anche avviato raccolte fondi e campagne sociali. Al 13 marzo scorso erano 11 gli ospedali e 7 le campagne crowdfunding, mentre ad oggi ci sono 90 ospedali e 53 campagne di crowdfunding validate. I dati parlano soprattutto di giovani orientati alla ricerca di risposte online. Il 54% ha tra i 18 ed i 34 anni con una preponderanza di donne.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, gli esperti: possibile picco di malattie mentali post-pandemia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui