Coronavirus, fermato perché “troppo pettinato”: sanzionati cliente e parrucchiere

Tra le tante storie di persone sanzionate per aver violato le regole anti Coronavirus, ce ne sono alcune decisamente esilaranti. Come nel caso di questo episodio avvenuto a Como.

coronavirus parrucchiere
Foto di jacqueline macou da Pixabay

Anche l’occhio vuole la sua parte si usa dire, e non importa se c’è in corso una pandemia globale che impone alle persone di restare dentro casa. C’è chi pur di dare una sistemata ai capelli, tra i primi a risentire del lockdown, è disposto a sfidare la legge e rischiare – per altro riuscendoci – di beccarsi una sanzione non da poco.

E’ quanto è accaduto a in Lombardia, per altro la regione maggiormente colpita dal virus, dove un abitante di Como ha fatto insospettire gli agenti della Polizia Locale. Ad attirare l’attenzione sono stati infatti i suoi capelli, troppo curati e in ordine considerando che barbieri e parrucchieri sono ormai chiusi da oltre un mese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus: in viaggio dalla Germania per compleanno, denunciati

Coronavirus, parrucchiere a lavoro nonostante i divieti

Roma bi,mbo abbandonato Staziine Termini
 (archivio Pixabay)

A quel punto gli agenti della Polizia locale non hanno potuto fare a meno di chiedere spiegazioni al pettinatissimo viandante. Dopo essere stato fermato l’uomo ha “confessato” di essersi recato dal suo barbiere di fiducia, a quanto pare ancora all’opera nonostante i divieti vigenti.

Un rischio peraltro non da poco, considerando che si tratta di una di quelle attività di fatto impossibili da svolgere mantenendo le giuste distanze e adottando le precauzioni del caso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Da Brescia a Molfetta a piedi con il trolley, denunciati in sette – VIDEO

Multe per entrambi e segnalazione in Prefettura per l’esercente

Inevitabili a questo punto i controlli sul “luogo del delitto”. Sia per il parrucchiere, un 50enne di Rovellasca, che per il cliente è scattata la sanzione amministrativa di 280 euro. Per quest’ultimo però, oltre alla multa, è partita la segnalazione alla Prefettura, in quanto a lavoro nonostante gli espliciti divieti previsti dagli ultimi decreti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fano, infermiera positiva al Coronavirus a passeggio: denunciata