Milano, uomo licenziato chiama Polizia su tutte le furie: “Faccio una strage”

A Milano un uomo, disperato dopo aver perso il lavoro, chiama la Polizia e lancia l’allarme: “Faccio una strage”. Viene poi calmato e aiutato

milano uomo polizia
A Milano un uomo di 44 anni, dopo aver ricevuto la notizia del licenziamento, ha chiamato la Polizia per preannunciare una strage (Getty Images)

A causa del Coronavirus, l’Italia sta vivendo un periodo molto difficile. La crisi sanitaria si sta facendo sentire. Gli ospedali sono saturi di posti letto, gli aiuti potrebbero non bastare e sono in continuo aumento raccolte fondi per nuovi macchinari. Ma quella sanitaria non è l’unica crisi causata dalla pandemia. Anche l’economia sta parecchio risentendo del blocco prolungato di tutte le attività. E, di conseguenza, anche milioni di cittadini si trovano ora in una situazione molto difficile. Molti sono in cassa integrazione, altri stanno perdendo il loro lavoro. È il caso di un uomo di 44 anni residente a Milano sposato e con un bambino che, disperato per la notizia ricevuta, ha chiamato la Polizia gridando che sarebbe sceso in strada per fare una strage.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, secondo un infettivologo: “È decisamente peggio dell’Ebola”

Il supporto della Polizia all’uomo licenziato: famiglia inserita nel circuito aiuti alimentari

milano polizia strage
Gli agenti si sono prontamente recati presso il domicilio dell’uomo (Getty Images)

Sono stati certamente minuti di panico quelli seguiti alla disperata chiamata di un uomo 44enne residente a Milano. Poco dopo aver ricevuto la notizia del licenziamento, il padre di famiglia ha chiamato la Polizia annunciando che avrebbe fatto una strage. Gli agenti si sono prontamente recati presso il domicilio dell’uomo, tranquillizzandolo il più possibile una volta ricostruito tutto l’accaduto. Una volta averlo convinto a desistere dal folle gesto, il padre è stato accompagnato presso l’Ospedale psichiatrico Fatebenefratelli. Inoltre, la Polizia ha annunciato di aver inserito la famiglia nel circuito di aiuti alimentari. Questa è solo una delle tante storie che ogni giorno si verificano in un periodo così delicato, dovuto alla terribile crisi economica che sta attraversando l’intero Paese.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, sparato alle gambe: aveva filmato uomo violare quarantena