Morto Ezio Vendrame, era il George Best dell’Italia

Morto Ezio Vendrame. Il famoso calciatore, tutto arte e sregolatezza, lo sportivo è venuto a mancare poche ore fa.

Ezio Vendrame morto
Ezio Vendrame (via Youtube)

Una vera e propria figura storia del calcio made in Italy quella di Ezio Vendrame. Soprannominato il George Best italiano, per alcuni dei suoi innegabili acuti ed anche per qualche caduta nel baratro della sua anarchia più totale, si è spento poche ore fa. Aveva 72 anni ed ha vestito importantissimi maglie del calcio italiano. La sua morte non dovrebbe essere ricondotta al coronavirus.

La sua classe e la sua capacità di partecipare al gioco lo hanno reso un’icona intramontabile, che ancora significa “leggenda”. Ora, purtroppo, il calciatore scompare e lascia un buco enorme nella storia dello sport e di chi amava il calcio più nostalgico, degli anni Settanta ed Ottanta. Un notizia davvero molto triste, che di sicuro getterà nello sconforto gli amanti del calcio giocato.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, il commissario Arcuri smorza i toni: l’avviso

Morto Ezio Vendrame, era il George Best dell’Italia

L’esordio in Serie A è datato addirittura 1971, con la maglietta del Lanerossi. Nato in Friuli il 21 novembre 1947, Ezio Vendrame inizia a forgiarsi nelle giovanili dell’Udinese. Nel 1974-75 gioca un anno a Napoli, ma colleziona appena tre presenze.

Molto meglio il biennio a Padova, dove colleziona 57 gare ed 8 gol. Mezzala ed ala sopraffna, ha alle spalle una montagna di aneddoti. Una volta ha dribblato tutta la sua squadra in una gara che, a suo dire, era truccata. Una storia folle, raccontata in un libro chiamato “Se Mi Mandi in Tribuna Godo”.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, l’incredibile storia di una signora guarita a 104 anni