Coronavirus, lo studio che spaventa e rimette tutto in discussione

Uno studio del Mit, negli Usa, rimetterebbe in discussione le teorie sulla distanza da tenere per evitare il contagio del Coronavirus. I dettagli della ricerca

Coronavirus distanza
Ricercatore in laboratorio (Pixabay)

Uno degli argomenti più discussi dalla comparsa del Coronavirus è stato: qual è la distanza di sicurezza per essere certi di non essere contagiati? L’Oms, ma anche molti virologi ed epidemiologi italiani hanno molto sempre affermato che gli individui debbano stare almeno da un metro, un metro e mezzo di distanza per non diffondere il Covid-19. Qualche settimana un altro studio proveniente dalla Cina parlava di 4-5 metri, anche se poi queste teorie non hanno mai trovato grandi conferme da parte delle autorità sanitarie mondiali. L’ultimo studio americano fa spaventare ancora di più la popolazione mondiale e potrebbe rimettere in discussione tutte le certezze di oggi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, stop alle code nei supermercati: spesa in ordine alfabetico

Il Coronavirus si diffonde fino a 8 metri di distanza? Lo studio del Mit rimette tutto in discussione

coronavirus distanze
Coronavirus, nuovo studio del Mit: non più ad 1 metro, ma a 8 metri di distanza

Secondo un recente studio del Massachusetts Institute of Technology di Boston, sarebbero necessari addirittura almeno 8 metri di distanza per evitare il Coronavirus. La professoressa Lydia Bourouiba, studiosa degli agenti patogeni, avrebbe scoperto che le esalazioni (tosse e starnuti) potrebbero essere contagiose fino a 8 metri. La scienziata considera obsoleti i modelli che ispirano le attuali linee guida dell’Oms e che sia, invece, necessario rivedere queste indicazioni per garantire la sicurezza delle persone. Nella sua pubblicazione sul Journal of American Medical Association sostiene che “le goccioline patogene possono arrivare fino ad una distanza che vai dai 7 agli 8,2 metri e che possono contaminare superfici e rimanere sospese nell’aria per ore”. Queste teorie saranno presto oggetto di discussione proprio all’interno dell’Oms e chissà che possano far rivedere, ancora di più le attuali abitudini della popolazione mondiale.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, 77.635 contagiati e 12,428 morti in Italia: sito dell’Inps in tilt – DIRETTA