Coronavirus, basta spostamenti dal proprio Comune: la nuova ordinanza

Dopo i provvedimenti del Governo arriva una nuova stretta per il Coronavirus: stop a tutti gli spostamenti dal proprio Comune di appartenenza. Ecco l’ordinanza firmata da Speranza e Lamorgese

coronavirus spostamenti comune ordinanza
Coronavirus, nuova ordinanza frena gli spostamenti dal proprio Comune (Twitter)

Nuove strette arrivano dal Governo per cercare di tamponare la situazione dei contagi da Coronavirus in tutta Italia. Ieri sera il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte aveva annunciato che da lunedì 23 marzo saranno chiuse tutte le attività non di prima necessità, ma oggi è arrivata una nuova ordinanza, firmata dal Ministro della Salute e da quello dell’Interno. Stop a tutti gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici o privati, dal proprio comune dove attualmente si risiede, se non per comprovate necessità di lavoro, di assoluta urgenza o motivi di salute. Le misure restrittive sono immediatamente in vigore e termineranno di avere efficacia con l’entrata in vigore del prossimo decreto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, bollettino Protezione Civile: “3957 contagiati e 651 deceduti”

Coronavirus, ordinanza vieta tutti gli spostamenti dal proprio Comune: scongiurati nuovi esodi di massa

coronavirus spostamenti comune ordinanza
L’ordinanza firmata dai ministri Speranza e Lamorgese

La nuova ordinanza firmata da Speranza e Lamorgese, che impedisce di muoversi dal Comune in cui ci si trova, è stata scritta dopo la grande pressione da parte dei governatori delle regioni del centro-sud. Questo proprio per evitare altri esodi, come già accaduto nelle settimane scorse, dalle zone del Nord, potenzialmente molto pericolosi. Un primo effetto è stato già visibile questa mattina: nella stazione Centrale di Milano sono stati fermati dalle forze dell’ordine 10 persone che volevano salire su un treno diretto a Salerno, ma che non hanno superato i controlli. In questo modo si cerca di limitare la diffusione del Coronavirus e di preservare quelle zone dove ancora l’emergenza è sotto controllo e che non dispongono di un impianto di organizzazione sanitaria all’altezza.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, 46.638 contagi e 5.476 morti – stop spostamenti dai Comuni – DIRETTA