CONDIVIDI

Anche l’azienda di Jeff Bazos, Amazon, impone restrizioni ai propri utenti. Da oggi in vendita solamente i beni di prima necessità.

amazon restrizioni
Da oggi in vendita solamente i beni di prima necessità (via Pixabay)

Alla fine anche Amazon impone restrizioni ai propri utenti. un ripensamento quello del colosso dell’e-commerce, che ha deciso di seguire alcune delle principali catene di alimentari e vendere solamente beni di prima necessità. Una decisione a dir poco drastica, per l’azienda che ha deciso di togliere dalla vendita tutto ciò che non è considerato di prima necessità.

Infatti prima si aspettava solamente dei ritardi nella consegna di alcuni prodotti come: videogiochi, dispositivi elettronici e CD. Il tutto per far fronte all’esponenziale crescita di ordini avuti dopo l’esplosione dell’epidemia di Coronavirus.

Come detto una scelta senza mezze misure quella presa dall’azienda di Seattle, che ha deciso di dare priorità ai beni di prima necessità proprio per far fronte alle esigenze dei cittadini. Inoltre con tale provvedimento, Amazon assicura maggior rapidità nelle consegne, eliminando gran parte degli ordini non considerati di prima necessità. Il resto della merce resterà in vendità, ma sarà consegnato con tempistiche più lunghe.

Amazon, nuove restrizioni: gli store in Italia e Francia non mostrano più i prodotti Prime

Amazon restrizioni
Il servizio Amazon Prime Now, sospeso su gran parte dei prodotti (Getty Images)

Così i primi store Amazon ad essere colpiti dalle restrizioni sono quelli italiani e quelli francesi. I due store, infatti non mostrano più prodotti nella loro sezione prime, ossia quella adibita alla consegna in un solo giorno.

Sul sito rimangono disponibili solamente i beni di prima necessità o quelli venduti da venditori di terze parti. Proprio questi ultimi venditori sono gli unici che vendono prodotti come: videogiochi e CD musicali. Ovviamente questi prodotti saranno disponibili solamente con una spedizione dipendente dal venditore.

Disponibili ancora con Prime solamente beni di prima necessità come: alimentari, prodotti per l’igiene, libri ed elementi utili per lavorare in casa.

Sul provvedimento preso, il colosso dell’e-commerce ha lasciato una nota sul proprio sito,  in cui comunica che a causa della diffusione del virus e della grande mole di ordini ricevuti è stato deciso di consegnare con pprime solamente i beni necessari. Ovviamente la restrizione per ora riguarderà solamente Amazon.it e Amazon.Fr. Con questa decisione i dipendenti dell’azienda potranno focalizzarsi solamente sulla consegna di prodotti più necessari in questo momento.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulle notizie di Cronaca, CLICCA QUI !