Coronavirus, l’ipotesi di Spadafora: “Stop attività motoria all’aperto”

Tra le tante restrizioni dovute al Coronavirus, il Ministro Spadafora ne ha ipotizzata un’altra: stop alle attività fisiche all’aperto

attività fisica coronavirus spadafora italia
Possibili nuove misure restrittive in Italia (Getty Images)

Nonostante il periodo di quarantena che tutto il territorio italiano sta vivendo da ormai più di una settimana, la situazione Coronavirus non sembra voler migliorare. Anzi, secondo la comunità scientifica, siamo ancora lontani dal picco massimo di casi. Le restrizioni imposte dal Governo sono diverse e, più o meno, stanno venendo rispettate. Ma potrebbero non essere più sufficienti. Intervenuto al Tg1, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha aperto alla possibilità di vietare ai cittadini di fare attività fisica all’aperto durante il giorno, neppure a 1 metro di distanza con le altre persone. Al momento è solo un’ipotesi e non c’è nulla di deciso, ma i prossimi giorni potrebbero essere cruciali in questo senso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, 26.062 contagi e 2503 decessi in Italia: le ultimissime – DIRETTA

Coronavirus, le parole di Spadafora sullo stop delle attività all’aperto

Ministro Spadafora coronavirus stop attività all'aperto
L’ipotesi del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora (Foto: Getty)

Intervenuto ai microfoni del Tg 1 pochi minuti fa, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha parlato della situazione attuale che sta vivendo l’Italia a causa del Coronavirus. Nello specifico, ha discusso delle attuali restrizioni imposte dal governo, ipotizzando un’ulteriore misura drastica: imporre il divieto di svolgere attività motorie all’aperto. Sarebbe sicuramente una mossa pesante, ma forse necessaria soprattutto “in questa settimana, che potrebbe essere quella col numero più alto di picchi secondo gli esperti“. Spadafora ha poi spiegato meglio la sua idea. Il piano del Governo era quello di invitare le persone a rimanere a casa, lasciando però la possibilità di allenarsi in luoghi isolati e senza contatti. “Ma se le persone non vogliono ascoltare, mi sembra obbligatorio imporre un divieto” conclude il Ministro dello Sport.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, bollettino medico 18 marzo dell’Istituto Spallanzani di Roma