Coronavirus, la foto virale di medici e infermieri: “State a casa”

0

Coronavirus, la foto virale di medici e infermieri massacrati dai turni eppure sorridenti sta facendo il giro del web. L’appello è uno solo

Coronavirus infermiera
Coronavirus, infernieri sottoposto a turni massacranti (via Instagram)

Coronavirus, la foto virale di medici e infermieri è anche l’immagine dell’Italia in questi momento. Solo se tutti riusciranno a remare dalla stessa parte potremo uscire dalla più grave crisi degli ultimi settant’anni. E per questo occorre che i professionisti della salute facciano il loro mestiere. Ma anche che i cittadini rispettino divieti e consigli.

L’appello è chiaro e non è nemmeno la prima volta che arriva. Medici, infermieri, Oss e tutto il personale ospedaliero, così come gli operatori sulle ambulanze, stanno dando il massimo. Turni massacranti, specie nelle zone più colpite, senza mai perdere il sorriso e la voglia di fare. Però se dall’altra parte non ci sarà un cambio di passo, difficile andare avanti così.

Ecco perché ancora una volta arriva un messaggio che è una sorta di appello. Il solo modo che abbiamo per aiutare il personale ospedaliero è quello di non aggravere una situazione già drammatica. “Rimanete a casa, noi non possiamo“, scrivono per sensibilizzare quella parte di popolazione che finora è sembrata sorsa nel recepire le direttive.

medici e infermieri coronavirus
L’appello di medici e infermieri per sensibilizzare gli italiani (Websource)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, guariti perdono fino al 30% delle capacità respiratorie

Coronavirus, l’appello a tutti della federazione degli infermieri 

Coronavirus infermiera
Coronavirus, la forto che ha commosso l’Italia (Websouce)

Nei giorni scorsi, e ancora adesso, l’hashtag #iorestoacasa è stato doffuso ovunque. Un appello del ministero della Salute per sensibilizzare la popolazione, in particolare la più giovane, ad osservare comportamenti responsabili. Il messaggio è stato fatto proprio anche dalla FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche). Tanto che migliaia di pagine social di infermieri presentano da giorni la grafica con la frase “Noi infermieri non possiamo, ma voi restate a casa”.

E ancora oggi la Federazione ha ribaditio il messaggio. Loro ci mettono un impegno invidiabile, i cittadini devono fare il resto. Invece c’è chi non comprende la situazione. Anche una semplice trasgressione che agli occhi di qualcuno può non apparire tale, è invece un attentato. Mette a rischio la salute di chi viene contagiato, ma anche quella degli operatori che devono intervenire e di chi tra i malati è più fragile. Per loro un’infezione da Coronavirus potrebbe rivelarsi letale. Quindi chi opera nel settore non puà rimanere a guardare mentre intorno c’è chi non ha rispetto, dei malati come del loro prezioso lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui