CONDIVIDI

Londra, 4 ragazzi pestano uno studente asiatico: “Ci porti il Coronavirus”. Purtroppo l’episodio fa seguito a quanto avvenuto anche in Italia

Studente cinese pestato
Londra, studente asiatico pestato da 4 ragazzi: “Ci porti il Coronavirus” (Foto: Twitter)

La polizia sta indagando su un presunto attacco di odio razziale contro uno studente singaporiano a Londra da parte di un gruppo di persone che si dice abbiano urlato sul coronavirus prima di picchiarlo.

Gli ufficiali di polizia hanno dato notizia di un attacco a Oxford Street intorno alle 21.30 di lunedì scorso, dopo che Jonathan Mok ha condiviso le foto del suo viso malconcio e scritto del suo calvario in un post di Facebook.

Mok ha detto che uno del gruppo ha cercato di dargli un calcio in testa urlandogli contro: Non voglio il tuo coronavirus nel mio paese”.

Scotland Yard ha riferito di aver ricevuto un rapporto secondo cui un ragazzo di 23 anni è stato preso a pugni e ha riportato ferite al viso, e gli agenti stavano guardando la TVCC per cercare di identificare i sospetti.

Il ragazzo che studia a Londra ed è di Singapore, ha affermato che diverse insulti razzisti gli sono stati rivolti contro nelle ultime settimane, alcuni dei quali riguardano riferimenti al Coronavirus. Parlando dell’incidente di lunedì scorso, ha detto che stava passando davanti a un gruppo di ragazzi quando ne ha sentito uno fare riferimento al Covid-19 e si è fermato a guardarli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, si valuta chiusura di tutte le scuole per 15 giorni

Londra, studente asiatico picchiato da 4 ragazzi: “Ci attacchi il Coronavirus”

Londra Coronavirus
Londra, studente asiatico picchiato da 4 ragazzi: “Ci porti il Coronavirus” (Foto: Getty)

All’improvviso, il primo pugno mi è stato lanciato in faccia e mi ha sorpreso. Quando ero ancora scioccato dal primo colpo, il ragazzo ha sferrato un altro cazzotto. A quel punto, alcuni passanti si sono fermati e uno di loro ha cercato di ragionare con loro sul fatto che quattro contro uno non era giusto.

“L’amico dell’aggressore ha cercato di darmi un calcio mentre spiegavo al passante che non avevo fatto nulla. Ho provato a reagire per legittima difesa, ma non ho potuto fare nulla di che visto che avevo anche una mano rotta”.

Il ragazzo che ha cercato di prendermi a calci poi ha detto: ‘Non voglio il tuo coronavirus nel mio paese‘, prima di lanciarmi un altro pugno in bocca, il che mi ha definitivamente rotto la faccia”.

Mok, che ha studiato a Londra negli ultimi due anni, ha detto che odiava essere al centro dell’attenzione e non gli piaceva scrivere post su Facebook o qualsiasi piattaforma di social media, ma l’incidente ha messo in evidenza un problema importante che doveva essere portato a una più ampia attenzione.

Sono stati segnalati numerosi episodi di incidenti razzisti relativi all’epidemia di Coronavirus nel Regno Unito, tra cui abusi verbali, attacchi con uova e bullismo nelle scuole. Tutto questo fa seguito ad alcuni fatti che hanno riguardato anche l’Italia, come la rissa nel supermercati ai danni di un uomo filippino scambiato per cinese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, scambiano filippino per cinese: rissa al supermercato – VIDEO

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24