NAS, due denunce per mancato rispetto norme raccolta del sangue

0
25

NAS, venivano fatte trasfusioni di sangue non rispettando norme sulla qualità e sicurezza: denunciate due persone di un ambulatorio a Milano

Carabinieri Nas

Nella giornata di oggi i carabinieri NAS di Milano hanno svolto alcune visite volte ad accertarsi del rispetto delle norme sulla qualità e sulla sicurezza dei medici. In un ambulatorio odontoiatrico a Milano sono state trovate alcune anomalie. Come riportato da un comunicato ufficiale sul sito del Ministero della Salute, infatti, sarebbero state denunciate due persone del suddetto centro medico. Nello specifico, si tratta del Direttore Sanitario e di uno dei medici odontoiatri. I carabinieri hanno scoperto che venivano effettuati diversi trattamenti PRP (plasma ricco di piastrine) a puro scopo di lucro “senza le prescritte autorizzazioni dei centri trasfusionali pubblici, prelevando da pazienti sangue che veniva illegalmente lavorato e re-infuso“. L’Autorità Giudiziaria di competenza è stata prontamente avvisata del fatto, e i due medici in questione denunciati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Abruzzo, i Nas bloccano 240 tonnellate di mangimi: alto rischio

NAS, cosa è stato sequestrato dall’ambulatorio

Nas Carabinieri cibo pericoloso
Nas Carabinieri

Oltre ad aver denunciato i due medici, i carabinieri di Milano hanno anche prelevato diverso materiale medico, che veniva utilizzato per le trasfusioni di sangue assolutamente non a norma di legge. Più nello specifico, sono stati presi in custodia un dispositivo per la lavorazione del sangue, che conteneva al suo interno 4 fiale con del liquido trasparente al loro interno. Sono poi state sequestrate ben 127 provette per raccogliere il sangue, due set per il prelievo del sangue e per la tecnica PRP(monouso). Infine, è stato sequestrato un laccio emostatico, anch’esso utile ai medici per prelevare il sangue ai pazienti.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Filiera latte, sequestri e chiusure dei NAS in Abruzzo

Sequestro Carabinieri NAS
Carabinieri NAS (Getty Images)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui