Coronavirus, centinaia di bambini in isolamento in Toscana

In Toscana 400 bambini sono stati messi in isolamento domiciliare: ecco i nuovi provvedimenti contro il Coronavirus

Coronavirus bambini isolamento toscana
Toscana, 400 bambini in isolamento (Fonte: Getty)

La Toscana è una delle regioni italiane più popolate di immigrati cinesi ed in tempo di Coronavirus l’allerta è massima. Soprattutto nelle province di Firenze, Prato e Pistoia c’è una numerossima comunità di persone provenienti dalla Cina, messa in ginocchio dal virus influenzale che finora ha provocato quasi 1.800 morti. Il rischio di un possibile contagio aumenta nelle scuole, perciò la Regione Toscana ha adottato un provvedimento che riguarda i piccoli studenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Westerdam, altra nave infetta da Coronavirus: 1200 passeggeri a rischio

Coronavirus, 400 bambini in isolamento in Toscana: ecco il provvedimento

Coronavirus bambini isolamento toscana
Toscana, 400 bambini in isolamento (Getty Images)

Il governo regionale ha deciso di imporre l’isolamento domiciliare a 400 bambini, la stragrande maggioranza residenti nelle province di Firenze, Prato e Pistoia. Essi come si legge dal comunicato, redatto dopo la periodica riunione della task force istituita per fronteggiare l’epidemia da Covid-19, “i bambini saranno in auto-isolamento e controllati quotidianamente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Hong Kong, emergenza Coronavirus: rapina per la carta igienica!

I piccoli studenti che rientrano nelle misure preventive sono quelli che, come da circolare ministeriale inviata alle scuole l’8 febbraio, sono “rientrati o in rientro dalla zone a rischio“. “E’ un modo per tenere sotto controllo tutte le famiglie” ha spiegato la Regione. Nel frattempo il laboratorio di virologia dell’Azienda ospedaliero universitario di Siena ha effettuato fino ad ora 17 test su casi sospetti di Coronavirus, fortunatamente risultati tutti negativi. Ora c’è grande attesa per i circa 2.500 cinesi che dovranno fare ritorno in Toscana dopo le festività del Capodanno trascorse nel loro Paese. Ci sarà certamente bisogno di un’attenzione particolare e di un potenziamento a livello ambulatoriale.