Dei riferimenti a  Yara Gambirasio, erano presenti nell’inchiesta sulla pedofilia.

Riferimenti scabrosi sulla tredicenne di Brembate uccisa nel 2011. L’inchiesta è stata portata avanti dalla polizia postale del Trentino Alto Adige, coordinata dalla Procura di Trento, denominata ‘Black Shadow’, che ha portato all’arresto di 10 persone, mentre sono 48 gli indagati.

Gli inquirenti hanno trovato sul pc di uno degli fermati una sorta di dossier di circa 40 pagine sulla piccola ginnasta, con foto accanto a preghiere blasfeme e filastrocche.

Le immagini della piccola Yara le aveva un uomo di 53 anni ed è di Rimini. La vicenda del presunto dossier su Yara verrebbe ora seguita dal pool difensivo di Massimo Bossetti, l’uomo condannato all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio.