Da pochissime ore sono arrivati i risultati dell’autopsia sulla piccola Noemi Durini. Nel video, ha parlato il medico legale che ha non ha sciolto i parecchi dubbi su quello che è successo.
L’accertamento sulle cause del decesso della povera ragazza secondo fonti medico legali – è abbastanza difficile. Il cadavere di Noemi – a quanto si apprende – era molto malmesso.
Ecco il video dell’intervista al medico

I RISULTATI DELLA PERIZIA PSICHIATRICA SUL KILLER
“Un’organizzazione borderline di personalità con capacità intellettive al limite”. E’ questa la patologia di cui soffrirebbe Lucio, il 17enne, reo confesso dell’omicidio di Noemi Durini per il quale il Gip del Tribunale per i Minorenni di Lecce Ada Colluto, ha disposto la convalida del fermo.

Per il Gip, il ragazzo non avrebbe manifestato “cenni di reale senso di colpa”. Nel decreto di convalida del fermo, inoltre, il gip ritiene fondato il pericolo di fuga ritenendo che “egli non rimanga coerente in quel suo atteggiamento rispetto alla vicenda e si renda irreperibile magari anche per cercare di risolvere a suo modo la situazione di totale avversione sociale che avverte nei confronti suoi e della sua famiglia”.

Secondo il magistrato, si tratta di elementi che “non possono portare in ogni caso a ritenere in questa fase che il ragazzo non fosse pienamente in grado di intendere e di volere nel momento in cui ha commesso l’azione delittuosa. È evidente – conclude – che allo stato non è possibile soddisfare le esigenze cautelari con misure meno gravi, mentre proprio un contesto totalizzante, pienamente regolato e separato come quello dell’Istituto penale minorile può consentire di creare le condizioni minime per la profonda ricostruzione della personalità”.

Al momento, il 17enne è stato trasferito nel carcere minorile di Bari ma la sua destinazione potrebbe essere la Sardegna.

Nel frattempo, oggi, verrà effettuata l’autopsia sul corpo di Noemi da cui si capirà come è morta effettivamente la 16enne.