noemi durini-min

Non è ancora chiusa l’indagine per l’omicidio di Noemi Durini, la 16enne uccisa dal fidanzato 17enne reo confesso. La gip del Tribunale dei minori, Ada Colluto, ha convalidato il fermo del giovane per due dei tre campi d’imputazione ovvero l’omicidio premeditato aggravato dai futili motivi e dalla crudeltà.

Nessuna convalida, invece, del fermo per occultamente di cadavere. Gli inquirenti, dunque, sono sicuri che qualcun altro abbia aiutato Lucio, reo confesso dell’omicidio?

Il padre di Noemi ha già dichiarato di essere convinto che anche il padre del 17enne abbia una responsabilità nella vicenda. La Procura di Lecce sta così indagando sulla posizione dell’uomo, indagato per occultamento di cadavere.

Nelle prossime ore, dunque, potrebbero arrivare novità relative a nuovi fermi.