chester bennington-min

Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park, si è impiccato nella sua casa, in California, nel giorno in cui l’amico Chris Cornell, suicida lo scorso 18 maggio, avrebbe compiuto gli anni. Solo una coincidenza? I fans non ci credono e vedono nel tragico gesto di Chester Bennington la volontà di mettere fine ai suoi tormenti in un giorno per lui importante.

Chester Bennington e Chris Cornell erano legati da una profonda amicizia. Il suicidio di Cornell aveva scosso fortemente il cantante dei Linkin Park che, sui social, nelle ore successive alla tragedia, salutò l’amico con una toccante lettera.

“Ho sognato i Beatles la notte scorsa. Mi sono svegliato con ‘Rocky Raccoon’ nella testa e lo sguardo preoccupato di mia moglie. Mi ha detto che il mio amico era appena morto. Pensieri su di te mi hanno invaso il cervello e ho pianto. Sto ancora piangendo, triste e grato per aver condiviso alcuni momenti molto speciali con te e la tua bella famiglia. Mi hai ispirato in modi che nemmeno puoi immaginare. Il tuo talento era puro e senza rivali. La tua voce era gioia e dolore, rabbia e perdono, amore e crepacuore, tutto insieme. Suppongo che è quello che siamo tutti. E tu mi hai aiutato a capirlo. Mi piace pensare che eri tu che mi stavi dicendo addio a modo tuo. Non posso immaginare un mondo senza di te. Prego affinché tu possa trovare pace nella prossima vita. Mando il mio affetto a tua moglie e ai tuoi figli, amici e famiglia. Grazie per avermi permesso di essere parte della tua vita”.

Il giorno del funerale, invece, intonò uno dei brani più toccanti della musica ovvero “Hallelujah”, di Leonard Cohen il cui significato è criptico e profondo come dichiarò lo stesso Cohen: “la canzone spiega che diversi tipi di alleluia esistono, e tutte le alleluia perfette e infrante hanno lo stesso valore. È un desiderio di affermazione della vita, non in un qualche significato religioso formale, ma con entusiasmo, con emozione. So che c’è un occhio che ci sta guardando tutti. C’è un giudizio che valuta ogni cosa che facciamo (fonte: wikipedia)”.