Mazzata in arrivo per TIM: clienti allarmati, cosa succederà?

Stime davvero delicate e non positive per la TIM. Il provider telefonico italiano rischia seriamente una debacle che spaventa tutti

TIM è da moltissimi anni la compagnia telefonica di riferimento italiana. Ovvero colei che ha assimilato i servizi di Telecom unendo i servizi di telefonia fissa con quella mobile.

tim
TIM (Websource)

Sono davvero molti gli italiani che si affidano alle offerte di TIM per chiamare, messaggiare o lavorare nella vita di tutti i giorni. I servizi sono efficienti ma qualcosa potrebbe andare storto, soprattutto secondo le ultime analisi.

Le quotazioni del titolo TIM (denominato ancora Telecom Italia) ha subito diverse perdite nelle ultime sedute, segnando un -7,58%. In Borsa le azioni TIM sono scivolate fino a 0,1876 nella prima fase di contrattazione. Il tutto avvalorato dalle ricerche di Barclays nei confronti della crescita mancata dell’azienda.

Barclays boccia TIM: il titolo cala e lo scenario sulla rete unica si fa grave

Come riportato oggi da Il Sole 24 Ore, gli analisti di Barclays hanno fatto sapere che TIM sta attraversando un preoccupante momento di stallo. Sia per quanto riguarda la rete unica, sia per le crescite a livello tecnologico del provider italiano.

TIM sta affrontando un deterioramento strutturale del contesto competitivo in Italia senza che ci sia un miglioramento in vista. I piani per scorporare l’azienda e per fondere la rete con Open Fiber, entrambi in grado di creare valore, sono in corso ma stanno fanno affrontando ostacoli crescenti e potrebbero non concretizzarsi se non in tempi lunghi”.

In pratica gli analisti hanno visionato come TIM stia soffrendo particolarmente la concorrenza con altri provider in Italia, senza riuscire a mettersi al passo coi tempi e senza trovare soluzioni concorrenziali. In particolare vanno per le lunghe le trattative di fusione con Open Fiber, per passare tutte le linee nazionali in fibra ottica.

Un avviso alla TIM, ma anche agli italiani che da tempo sono abbonati per la telefonia fissa e mobile con l’operatore nazionale. Sarà conveniente in futuro affidarsi ancora alla TIM per avere un servizio competitivo?

Per TIM inoltre le stime peggiori a causa dello scenario macro sono ulteriormente amplificate dall’indebitamento finanziario che grava sul gruppo e dalle minori probabilità che la ristrutturazione societaria diventi efficace a breve. Sempre per Barclays a fronte di una “bolletta energetica” in aumento per TIM, non c’è la possibilità di agire sui prezzi, vista l’elevata concorrenza di altri player. A questo si aggiunge la bassa visibilità sull’esecuzione del piano di riassetto.