Elezioni, De Magistris a Conte: “Vuoi un reale cambiamento? Lavoriamo insieme al terzo polo”

"Certo, non eravamo pronti a votare a settembre, ma stiamo già facendo la raccolta delle firme e io mi candiderò sicuramente", annuncia l'ex sindaco di Napoli.

Giuseppe Conte, Beppe Grillo - Foto di Ansa Foto
Giuseppe Conte, Beppe Grillo – Foto di Ansa Foto

Tra me e Beppe Grillo non c’è stata nessuna telefonata ieri sera e quindi nessun aut aut”. Giuseppe Conte smentisce così i rumors secondo cui il garante dei grillini avrebbe minacciato di lasciare il Movimento in caso di deroghe al terzo mandato.

Smentisco categoricamente tutte le indiscrezioni in merito”, aggiunge in una nota. “Abbiamo di fronte una grande battaglia da combattere tutti insieme per il Paese, guardiamo uniti nella stessa direzione”. 

M5S: continua il dibattito sul secondo mandato

Anche se l’ex premier definisce l’aut aut di Grillo “una fake news”, continua il dibattito nei 5S sul doppio mandato. Il Movimento 5 Stelle, considerato il partito responsabile di aver scatenato la crisi del governo Draghi, è stato tagliato fuori dalla coalizione di centrosinistra targata Pd. 

Mentre Conte si dice pronto a correre da solo, arrivano proposte di coalizione per formare il cosiddetto terzo polo. La prima è giunto proprio dall’Italia dei Valori.

Idv chiama Di Maio: “Domani a Roma per eventuali collaborazioni”

Ci sono stati dei contatti con il Movimento 5 Stelle, domani sarò a Roma per degli incontri e per capire se ci sono le condizioni per collaborare. Ho sentito la segreteria di Conte e persone vicine a lui. Abbiamo chiesto di incontrarci per parlarne insieme”. Lo ha affermato il segretario di Idv Ignazio Messina, all’Adnkronos che aggiunge: “Per fare strada insieme bisogna essere in due: bisogna capire se le condizioni ci sono. Per quanto ci riguarda, noi interloquiamo come Idv con i soggetti a noi più affini. Domani a Roma per le 19 ho convocato l’esecutivo nazionale dell’Italia dei Valori proprio per parlare di alleanze in vista delle elezioni”. 

Ci sono pontieri al lavoro per trovare punti di convergenza tra M5S, Sinistra italiana, Verdi e Idv”, confermano fonti del Movimento.

L’appello di De Magistris: “Costruiamo insieme il terzo polo”

Un altro appello arriva dall’ex sindaco di Napoli Luigi De Magistris che è pronto a creare il polo alternativo: “Caro Giuseppe, vuoi un reale cambiamento? Bene, lavoriamo a un programma radicale e sociale che parta dal no all’invio di armi, dal salario minimo, dalle misure per le piccole e medie imprese, dal reddito di cittadinanza. Lavoriamo insieme al terzo polo che può arrivare al 15-20%”. Sono le parole di De Magistris a Quotidiano Nazionale e a Il Fatto Quotidiano.

Conte deve sapere che questa sarebbe una svolta radicale, che per loro sarebbe anche un ritorno alle origini, e che rappresenterebbe l’unica novità politica sulla scheda elettorale. Noi siamo pronti”, afferma De Magistris.

Certo, non eravamo pronti a votare a settembre, ma stiamo già facendo la raccolta delle firme e io mi candiderò sicuramente”. L’ex sindaco di Napoli si candiderà a Napoli, a Roma e a Cosenza e della coalizione che sogna spiega: “È un campo aperto fatto da associazioni, movimenti, reti civiche, amministratori, intellettuali, studenti, operai. Intendo parlare a quel mondo che non è rappresentato dai partiti tradizionali. Poi con me ci sono anche movimenti politici, che hanno un ruolo fondamentale in questa fase di raccolta di firme e mobilitazione, come Potere al Popolo e Rifondazione comunista. Il simbolo sarà Unione Popolare che sottende alla costruzione di un cantiere”.