Tragedia sfiorata a Palma Campania, provincia di Napoli. Una giostra, cosiddetta dei “sediolini volanti”, è crollata mentre era in funzione. Una decina i feriti, tra cui una ragazza di 12 anni ora ricoverata al Santobono di Napoli. L’incidente è avvenuto nell’area di via Querce dove da tradizionalmente, nella cittadina dell’hinterland Vesuviano, si riuniscono i giostrai. La ragazza è sotto osservazioni medico-sanitaria, ma le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni. Intanto, i carabinieri della locale stazione stanno procedendo con le indagini.

L’incidente è avvenuto nella serata di domenica 10 luglio. I militari dell’Arma stanno ascoltando le testimonianze dei presenti e dei gestori di giostre presenti al momento dell’incidente. La responsabile della giostra crollata, una donna di Poggiomarino, rischia ora l’accusa per lesioni colpose. La giostra dei “sediolini volanti” è una delle più comuni all’interno dei parco giochi. Costituita da un corpo centrale cui sono attaccati, tramite delle catenelle, i sediolini. Il corpo centrale, ruotando su se stesso, fa ruotare a sua volta i sediolini provocando, nei partecipanti, il brivido del volo.

Le indagini dei carabinieri

I carabinieri stanno quindi indagando sul perché il corpo centrale sia collassato. Un cedimento strutturale o, forse, un guasto meccanico. Nel crollo le persone hanno cominciato a correre in tutte le direzioni, prese dal panico, per evitare il contatto con la struttura. Nella generale confusione, circa dieci persone sono rimaste ferite. Sul posto, oltre agli operatori sanitari del 118, anche i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna, che stanno coordinando le indagini e raccogliendo materiali utili.