Mercoledì pomeriggio, intorno alle ore 17:30, è scoppiato un grande incendio a Malagrotta. Siamo nella discarica più grande di Roma, chiusa dal 2013 per il conferimento dei rifiuti ma ancora attiva per il loro trattamento. L’allarme è stato dato direttamente dagli operatori della discarica. I vigili del fuoco sono intervenuti prontamente e hanno lavorato tutto la notte di mercoledì per domare l’incendio.

Incendio che, per ragioni connesse alla natura stessa dei rifiuti conferiti, non è stato ancora domato. Probabile che il fumo nero continuerà a ergersi da Malagrotta ancora nei prossimi giorni. Come spiega Il Post: “Al momento non si sa se la nuvola di fumo provocata dalle fiamme e dalla combustione dei rifiuti contenuti nell’impianto contenga sostanze pericolose per la salute. L’Arpa (l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) della regione Lazio ha fatto sapere di avere una stazione fissa vicino alla zona dell’incendio e che sta installando dei campionatori aggiuntivi per avere un’analisi accurata delle sostanze rilasciate.”

L’ordinanza del Comune di Roma

Con un’ordinanza del sindaco il Comune di Roma ha disposto “per un periodo non superiore a 48 ore, in virtù del principio di precauzione”, per un raggio di 6 km dal luogo dell’incendio dell’impianto di Malagrotta la sospensione delle attività scolastiche e dei centri estivi, pubblici e privati; il divieto di consumo degli alimenti di origine animale e vegetale prodotti nell’area individuata; il divieto di pascolo e razzolamento degli animali da cortile; il divieto di utilizzo dei foraggi e cereali destinati agli animali, raccolti nell’area individuata.

Il sindaco Gualtieri: “Incendio sotto controllo”

“Fortunatamente grazie al lavoro straordinario dei vigili del fuoco l’incendio ora è sotto controllo e si stanno ultimando le operazioni di spegnimento completo che richiederanno ancora un po’ ma senz’altro si può dire che è stato evitato un vero e proprio disastro ambientale”: così il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, dopo il sopralluogo a Malagrotta. “Abbiamo subito preso un provvedimento a tutela della salute dei cittadini con una ordinanza che ha chiuso le scuole e gli asili. Arpa e la Asl stanno monitorando la qualità dell’aria. La situazione migliorerà perché l’incendio è stato messo sotto controllo da vigili del fuoco”.