INPS, occhio alle truffe: il messaggio che rischia di svuotarvi le tasche

Ancora una truffa informatica che riguarda l’Inps, il noto istituto di previdenza sociale a cui si affidano milioni di italiani

Ogni anno milioni di italiani si rivolgono all’INPS per diverse questioni, relative ai propri patrimoni o alla futura pensione. L’istituto di previdenza sociale è un punto di riferimento in tal senso per i cittadini.

Contributi
INPS (Getty Images)

Il problema è che la figura istituzionale dell’INPS spesso viene utilizzata per fini altrui a dir poco tendenziosi ed illegali. Non è la prima volta infatti che spunta la notizia di un tentativo di truffa proprio utilizzando il nome dell’istituto di previdenza.

Da qualche giorno sta circolando un nuovo adescamento per via telematica. Il quale però non riguarda la solita e-mail fittizia che invita l’utente a cliccare per modificare alcuni suoi dati o risolvere falsi problemi burocratici. Stavolta i truffatori hanno utilizzato un mezzo ben più personale: i telefoni cellulari.

L’SMS fittizio da evitare a tutti i costi

La nuova truffa in cui è coinvolto indirettamente l’INPS arriva infatti via SMS. Si tratta di una modalità definita smishing. Ovvero una forma di phishing, quindi una frode informatica, che invece di utilizzare il classico messaggio per e-mail utilizza quello istantaneo su cellulare.

cellulare
Telefono cellulare (pixabay)

Il meccanismo è ormai noto: i truffatori tentano di rubare i dati sensibili adescando l’utente con comunicazioni fittizie riguardo alla loro posizione INPS. Con quei dati possono poi entrare sui conti bancari e sottrarre denaro, impossessarsi di dati sensibili e molto altro.

La comunicazione ufficiale è chiara: evitate di rispondere a questo SMS. Il messaggio che potrebbe arrivarvi sul telefono indica un link su cui cliccare per sistemare alcune situazioni del proprio cassetto fiscale. Ma si tratta di una truffa in vecchio stile, anche perché l’INPS ha altre modalità per comunicare con i cittadini.

Come riportato da Quifinanza.it, l’INPS contatta i propri utenti esclusivamente attraverso i seguenti canali:

  • SMS: messaggio che però non contengono mai link, ma chiedono solo all’utente di effettuare un’azione accedendo ai servizi online INPS con le proprie credenziali, che sono strettamente personali;
  • chiamata telefonica: l’INPS contatta telefonicamente l’utente solo nei casi di prenotazione dell’accesso agli sportelli in una delle proprie sedi con ricontatto telefonico e in caso di chiamate da operatori di contact center e da operatori di sportello mobile per le campagne di contatto verso i cittadini relative alle visite di revisione;
  • lettere in cartaceo;
  • documentazione digitale in Cassetta postale online;
  • avvisi nell’area riservata MYINPS;
  • comunicazioni alla mail PEC del cittadino.