Occhio alla spesa: l’amatissimo salume potrebbe essere infetto

Brutta notizia per i consumatori italiani, ma soprattutto per i buongustai. Potrebbero esserci problemi con un alimento

L’Italia vanta una miriade di eccellenze dal punto di vista gastronomico. Non a caso, grazie alle produzioni DOP e tutte nostrane, quella italiana viene considerata nel mondo la cucina più gustosa e varia in circolazione.

salame
Tipologia di salume (Pixabay)

Tra i prodotti di punta sorgono quelli del campo suino. In particolare i salumi, i cosiddetti insaccati che spuntano sulle nostre tavole quasi tutti i giorni. Possono essere utilizzati come antipasti, come condimenti per i primi piatti o come semplice pietanza unica.

Proprio in tal senso, il Ministero della Salute ha lanciato un allarme proprio nella giornata di ieri, sabato 14 maggio. Purtroppo un amatissimo prodotto di salumeria, molto acquistato presso supermercati o negozi di alimentari, è stato tolto temporaneamente sul mercato per questioni di sanità pubblica.

Rischio microbiologico per l’azienda di Modena

salame
Salame cacciatore (Pixabay)

Il comunicato emesso ieri al Ministero sul sito Salute.gov.it parla chiaro. Un noto salume, di una particolare e celebre azienda italiana, è stato ritirato dal mercato per il rischio microbiologico.

Si tratta del salame ‘cacciatore’, prodotto dalla azienda modenese Villani. Un vero e proprio must della gastronomia del centro-nord Italia. Ma che in questi giorni sta fronteggiando l’improvvisa emergenza. Il richiamo sarebbe dovuto al rischio di infezione causato da un batterio o da un virus che avrebbe intaccato l’alimento in questione.

Fate attenzione dunque! Il salame cacciatore (o cacciatorino se è di dimensioni minori) è uno dei prodotti di salumeria più apprezzati dai consumatori e dalle famiglie nostrane, anche grazie alla forma casareccia e al gusto molto saporito.

Tale tipologia di salame prende il nome di cacciatore per un semplice motivo. Era usanza di coloro che andavano a caccia portare nella propria bisaccia questo insaccato, anche tagliato a fette, per consumarlo durante il riposo dalla battuta. Per questo viene indicato con la suddetta denominazione.

Controllate allora nella vostra spesa per capire se c’è il rischio di infezione, nel caso in cui abbiate acquistato il salame marca Villani negli ultimi giorni, durante la consueta spesa al supermercato o al banco alimentare.