GF Vip 6, il racconto drammatico: “Eravamo in 60 e caricati come pecore in una stanza”

Un racconto che si stenta a credere, il concorrente del GF Vip 6 ne ha parlato in diretta per mandare un forte messaggio

GF Vip 6
Samy Youssef (@Twitter)

Samy Youssef è stato uno dei primissimi eliminati del GF Vip 6, ma nonostante la sua breve permanenza ha lasciato il segno all’interno della Casa ed ai suoi coinquilini. Il giovane modello egiziano è entrato in punta di piedi ed è uscito in maniera altrettanto umile con un bagaglio di esperienza appresso, seppure non pienissimo.

LEGGI ANCHE > > > Uomini e Donne, il ritorno di Giorgio Manetti in Tv: i dettagli

NON PERDERTI > > > Can Yaman, nuovo amore per l’attore turco? Inaspettata rivelazione

A qualche settimana dalla sua uscita di scena, Samy Youssef è stato ospite di Silvia Toffanin a Verissimo nella puntata di sabato 16 ottobre. Durante l’intervista, il modello egiziano ha avuto modo di raccontare della sua vita e delle sue origini.

LEGGI ANCHE > > > Amadeus, una nuova idea in tv: l’annuncio che incuriosisce il pubblico

Samy Youssef, dall’Egitto al GF Vip 6: il racconto straziante

GF Vip 6
Samy Youssef a Verissimo (@Twitter)

Nel salotto di Silvia Toffanin, Samy Youssef ha raccontato del suo straziante passato: “Mia madre per racimolare qualche soldo si faceva più di 100 chilometri a piedi, ogni giorno, per vendere un po’ di frutta e verdura”. Un’adolescenza per niente semplice quella del modello egiziano che ha raccontato le varie tappe della sua giovinezza: “Quando avevo 10 anni, mio padre è stato colpito da una grave malattia e io ho dovuto abbandonare la scuola, che amavo, per andare a lavorare”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Sanremo, ex amato concorrente molestato da un pedofilo a 10 anni: racconto choc!

Samy era il più bravo della classe, ma inevitabilmente, messo di fronte alla realtà è stato costretto a prendere una decisione: “A 14 anni ho preso una decisione: tentare la sorte per cercare di cambiare vita. Per convincere mio padre ci ho messo un anno, mentre a mia madre non ho mai detto nulla perché non volevo si preoccupasse e soffrisse. A 15 anni sono partito. Ci hanno messo in 60 per 15 giorni in una stanza, poi ci hanno caricati come pecore su un camion e per la prima volta in vita mia ho visto il mare e mi sono spaventato, volevo scappare nel deserto”.