Dove sarà necessario avere il Green pass per entrare? L’On. Campomenosi chiarisce la posizione della Lega

L’europarlamentare della Lega, Marco Campomenosi, espone le sue perplessità sulla proposta del Green pass per accedere ai ristoranti al chiuso, mentre è più possibilista per quel che riguarda le discoteche: “Va bene se serve a farle riaprire”. Sulle dichiarazioni del Governatore della Liguria, Giovanni Toti, che aveva parlato di ‘una certa politica che strizza l’occhio ai novax’, l’esponente del Carroccio non ha dubbi: “Sta cercando di differenziarsi il più possibile da Salvini e Meloni per ragioni politiche”

0
Marco Campomenosi (foto da Twitter)

La cabina di regia si riunirà martedì mattina per gli ultimi dettagli, ma la lista dei luoghi dove si potrà accedere solo attraverso il Green pass dovrebbe essere quasi pronta. In particolare l’accordo raggiunto dovrebbe includere anche le discoteche e i ristoranti al chiuso. Si tratta di una soluzione che vi convince?

“Personalmente ho molte riserve sui ristoranti al chiuso, visto anche quanto hanno dovuto attendere per poter tornare a lavorare, e considerato soprattutto che, fortunatamente, la pressione sui ricoveri ospedalieri è molto bassa. Per le discoteche, che capisco possano invece essere un settore più a rischio, va bene se viene utilizzato affinché possano riaprire, diventando così anche uno strumento attraverso cui riuscire a certificare lo stato di salute di chi entra. Ora non so quale sarà la posizione finale, ma immagino che Salvini e i ministri della Lega si stiano già confrontando su questo”

Proprio Salvini ha dichiarato ieri che «La salute è fondamentale ma senza bisogno di terrorizzare». Per quale motivo l’adozione del Green pass può diventare un motivo di paura per le persone?

“Perché non si considerano le reazioni psicologiche di chi vuole tornare a vivere, ma ovviamente sa di doverlo fare con le dovute cautele. Da questo punto di vista, credo sia un grave errore continuare a rappresentare la situazione più grave di quanto non sia realmente. Anche quando c’è stato il dibattito sul togliere l’obbligo della mascherina all’aperto, ricordo bene i soliti virologi, ormai star televisive, che prevedevano migliaia di morti e di ricoveri a luglio, quando poi invece, fortunatamente, non è stato così. Non possiamo dimenticarci che il tema oggi non è più tanto legato ai comportamenti delle persone, quanto all’efficacia dei vaccini su questa nuova  variante e sulle quelle spunteranno nei prossimi mesi”

Però ci sono sempre 2,4 milioni di over 60 che ad oggi non si sono voluti ancora vaccinare, come fare a convincerli?

“Salvini stesso lo ha detto, dobbiamo concentrarci su di loro, senza scatenare una caccia ai non vaccinati, ma cercando semplicemente di spiegare che per certe categorie e fasce d’età è più sicuro farlo. Io ho 45 anni, godo di una buona salute e mi sono vaccinato, perché per lavoro viaggio molto tra Genova e Bruxelles e le possibilità che possa entrare in contatto con il virus è molto alta, quindi per me quella di vaccinarmi è stata una scelta naturale. È ovvio che dobbiamo fare di più per convincere gli over 60, ma senza scatenare il terrore”

Le differenze nel centrodestra e la polemica con Letta

pd letta
Enrico Letta (@GettyImages)

Nel centrodestra sull’argomento ci sono evidentemente delle sensibilità diverse: da una parte voi e Fdi schierati contro il modello francese, decisamente più possibilista FI, mentre oggi Toti ha dichiarato di essere favorevole alla proposta, denunciando anche “l’atteggiamento di una certa politica che strizza l’occhio ai novax”

“Ho parlato con gli amici di FI e ho avuto modo di verificare le loro differenti opinioni in merito alla proposta, è normale che sia così. Quanto al presidente della regione Liguria, il mio caro amico Giovanni Toti, mi pare evidente che voglia differenziarsi il più possibile da Salvini e Meloni per ragioni politiche. L’ha fatto anche la scorsa settimana in Consiglio regionale, votando con la sinistra una mozione di censura nei confronti di un comune amministrato dal centrodestra. Stiamo parlando di strategia politica, che personalmente mi interessa poco, ma capisco che in un certo senso è anche normale che ci sia”

Ieri Letta ha invitato le parti politiche a “non avere atteggiamenti irresponsabili che puntano ad avere tre voti in più, e far sì che la gente se la prenda con le regole”. Vuole commentare?

“Non sono io che devo rispondere al segretario del Pd, ma davvero non capisco che senso abbia voler veicolare questo tipo di messaggio. Mi capita spesso di confrontarmi con molti esponenti del Pd, anche a livello locale, e mi sembrano più coerenti del loro Segretario. Se c’è qualcuno che in questi mesi ha cercato di inseguire a tutti i costi il consenso, quello è proprio Enrico Letta, come d’altronde ha dimostrato anche  con il suo rifiuto ad ogni tentativo di mediazione sul ddl Zan. Cercano il consenso di alcune categorie, ma in questo caso puntare alle persone più spaventate dal virus non mi sembra esattamente una scelta così nobile da parte loro”

Proprio sulla questione del Green pass in Francia ci sono state forti proteste che hanno visto scendere in piazza oltre 100mila persone, secondo lei c’è il rischio che questo accada anche in Italia?

“La situazione è diversa, non dimentichiamoci che Macròn aveva già avuto forti contestazioni ben prima dello scoppio della pandemia, sia con i gilet gialli che con le tensioni sociali scoppiate nelle periferie, per cui parliamo di un clima davvero incandescente. Credo che su questo tema sia molto più condivisibile ciò che ha detto la cancelliera Angela Merkel, quindi non proprio un leader politico a me vicino, ovvero che bisogna sempre garantire i diritti costituzionali, anche rispetto a chi parla di andare a caccia di persone non ancora vaccinate. A questo aggiungo che non possiamo nemmeno dare alla popolazione la percezione che ci siano dei cittadini con degli obblighi e altri no, e mi riferisco ai migliaia di immigrati che continuano ad arrivare nel nostro Paese e di cui, dal punto di vista sanitario, non sappiamo proprio nulla

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui