Moderna, 3 miliardi di dosi nel 2022: il piano per la produzione

0

Moderna punta a produrre tre miliardi di dosi nel 2022. La casa farmaceutica statunitense punta ad aumentare la produzione dei vaccini.

Moderna miliardi dosi
La casa farmaceutica aumenterà la produzione (via Getty Images)

Anche Moderna è pronta ad aumentare la produzione del suo vaccino, dichiarando di voler produrre 3 miliardi di dosi nel 2022. Un piano ambizioso che ha l’intento di aiutare il mondo ad uscire dall’emergenza pandemica. Questa mattina, l’azienda ha fatto sapere che amplierà  la sua capacità di produzione nei suoi impianti situati in Usa, Svizzera e Spagna.

POTREBBE INTERESSARTI >>> M5S, la rivoluzione di Giuseppe Conte: vicino l’addio a Rousseau

Allo stesso tempo Moderna sta aggiornando i dati sulla produzione relativa al 2021. La casa farmaceutica prevede di produrre 800 milioni di dosi. L’obiettivo, però, è quello di arrivare ad un miliardo di dosi già entro la fine di quest anno. Ma non solo, la stessa Moderna sta lavorando per una rielaborazione del vaccino, in modo da permettere la conservazione del siero a temperature di refrigerazione normale. Così facendo il siero potrà essere conservato per tre mesi.

Moderna, il Ceo dichiara: “Siamo in attesa di scoprire l’efficacia sulla variante indiana”

Moderna miliardi dosi
Il vaccino della casa farmaceutica – Foto Getty Images

Il mondo sta assistendo al caos pandemico in India. Oltre 300mila contagi al giorno ed una situazione ai limiti del surreale. Il paese indiano sta soffocando e l’unica speranza per vedere la luce in fondo al tunnel sono i vaccini. Per quanto riguarda Pfizer, il colosso sembrerebbe fiducioso sull’efficacia, ricordando come l’immunizzante sia passato dal 95% al 97% di efficacia per quanto riguarda la variante inglese. In questi giorni, anche Moderna sta conducendo dei test per verificare l’efficacia del siero contro la temutissima variante indiana.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Israele, tragedia ad un raduno religioso: ci sono almeno 40 morti

Ad intervenire sul tema ci ha pensato il CEO della casa farmaceutica, Stephane Bancel che si è detto molto preoccupato. Bancel ha poi aggiunto di essere in attesa sui dati della variante B.1.617 che circola in India. La preoccupazione, però, non è dovuta solamente alle ospedalizzazioni ed ai terribili dati sui decessi nel paese. Infatti si teme che la variante possa essere peggiore di quella sudafricana. Vedremo quindi se nei prossimi giorni Pfizer/BioNTech e Moderna porteranno buone notizie all’India, che intanto sta vivendo giorni terribili a causa della nuova ondata di contagi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui