Vaccino Covid, Johnson&Johnson: “Non assicuriamo 55 milioni di dosi”

0

Secondo quanto riportato da Reuters, Johnson&Johnson avrebbe avvisato l’Ue che non può assicurare 55 milioni di dosi di vaccino Covid

vaccino covid Johnson&Johnson
Vaccino Covid, Johnson&Johnson avvisa la Commissione europea (Foto: Getty)

Il prossimo 11 marzo, il vaccino anti Covid di Johnson&Johnson dovrebbe ricevere l’ok alla commercializzazione in tutta Europa. Gli accordi prestabiliti con l’Ue prevedono una fornitura pari a 200 milioni di dosi entro la fine del 2021. Un importante aiuto alla campagna vaccinale, soprattutto visto il fatto che – per l’immunizzazione – basta una sola dose.

Stando a quanto riferito da Reuters, però, l’azienda farmaceutica ha già avvisato che difficilmente riuscirà a fornire le 55 milioni di dosi pattuite entro il secondo trimestre dell’anno. Una prima battuta d’arresto che già rischia di complicare i piani dell’Unione Europea.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Cts: “No a lockdown nazionale, sistema a colori più ferreo”

Vaccino Covid, i problemi di Johnson&Johnson con le forniture

usa vaccino Johnson & Johnson
Più complicata la fornitura delle 55 milioni di dosi previste entro il secondo trimestre dell’anno (via Screenshot)

Stando a quanto appreso da Reuters, Johnson&Johnson difficilmente riuscirà a fornire all’Ue le 55 milioni di dosi di vaccino anti Covid pattuite per il secondo trimestre del 2021. La scorsa settimana, l’azienda farmaceutica statunitense si sarebbe interfacciata direttamente con la Commissione europea per denunciare alcuni problemi nel reperire i componenti, che complicano i piani di fornitura inizialmente messi nero su bianco.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, Draghi: “L’emergenza peggiora, potenzieremo le vaccinazioni”

Questa difficoltà, comunque, non dovrebbe rendere impossibile la produzione. Ma se prima le 55 milioni di dosi erano una “sicurezza”, ora servirà maggior cautela. Dopo aver ricevuto l’ok alla commercializzazione da parte dell’Ema – che dovrebbe arrivare l’11 marzo prossimo – le consegne potrebbero iniziare ad aprile. L’azienda ha comunque tenuto a specificare che rispetterà l’impegno di portare a termine la fornitura di 200 milioni di dosi entro la fine dell’anno. Seguiranno aggiornamenti in questo senso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui