Morto Carlo Tognoli, per dieci anni era stato sindaco di Milano

0

Morto Carlo Tognoli: per un decennio era stato sindaco di Milano e poi anche europarlamentari. Il cordoglio degli ex colleghi

(Instagram)

Un altro pezzo della politica che ha caratterizzato la Prima Repubblica che se ne va. A Milano oggi è morto a 82 anni Carlo Tognoli, ex sindaco del capoluogo meneghino dal 1976 al 1986 e poi anche europarlamentare nelle fila del Partito Socialista. Dopo una frattura al femore lo scorso autunno, era stato ricoverato ma in ospedale ha contratto il Covid 19 che l’ha stroncato.

Dopo aver lavorato per alcuni anni in una azienda farmaceutico, fu dirigente del Partito Socialista a Milano e segretario cittadino del PSI dal 1969 al 1970. Nel 1970 divenne Assessore del Comune di Milano e nel 1976 fu eletto sindaco rimanendo in carica per dieci anni. Successivamente è stato anche ministro nei governi Goria e De Mita e nell’ultimo governo guidato da Giulio Andreotti., al Turismo e spettacolo). Ma dal 1984 al 1987 è stato anche membro del Parlamento Europeo nelle liste del PSI.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alan Rizzi (@alanrizzi)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morto Antonio Catricalà, l’ex sottosegretario si è suicidato a Roma

Tognoli, un grande sindaco per Milano: il commosso ricordo di diversi politici attuali

La figura di Carlo Tognoli, scomparso oggi a 82 anni, è stata ricordata da diversi esponenti della politica che lo hanno conosciuto e stimato. Come Silvio Berlusconi che in una nota ricorda come “se ne va un protagonista della storia di Milano e del socialismo italiano. Un sindaco stimato nel mondo e amato dai milanesi, un uomo politico preparato, lucido, consapevole, dotato di una grande visione e di una grande passione per la sua città. Uno dei migliori sindaci della storia di Milano”.

Crisi Governo
Silvio Berlusconi Getty images)

Bobo Craxi parla di “un pezzo della storia milanese della storia socialista e anche della nostra vita che se ne va”. E l’ex sindaco milanese Giuliano Pisapia spiega che “ha affrontato gli anni difficili dell’uscita dal terrorismo dando una impronta alla città che ha segnato un lungo periodo. È sempre stato orgoglioso di essere un socialista riformista e anche da ministro si è impegnato per Milano. Con la sua scomparsa Milano perde una figura di riferimento, un protagonista del dibattito pubblico ascoltato e rispettato”.

Cordoglio espresso anche da Renato Brunetta, attuale ministro della Pubblica amministrazione e da Attilio Fontana, governatore della Lombardia. “Una bella persona, competente, che sapeva coniugare l’ascolto e la concretezza dell’azione. Per moltissimi milanesi che hanno vissuto il periodo in cui è stato primo cittadino, Tognoli è rimasto il sindaco di Milano per antonomasia”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui