Facebook, multa di 7 milioni dall’Antitrust: cosa ha fatto

0

Facebook ha ricevuto una salata multa di 7 milioni di euro dall’Antitrust per non aver ottemperato a precise richieste del garante della concorrenza e del mercato

Zuckerberg Facebook Soros

L’Antitrust ha comminato una multa di 7 milioni di euro a Facebook Inc. e Facebook Ireland Ltd. per non aver ottemperato alla richiesta di rimozione della pratica scorretta sull’utilizzo dei dati degli utenti. Inoltre, non è stata pubblicata la dichiarazione di rettifica che il garante aveva chiesto di inserire sul sito per l’Italia, sull’app e sulla bacheca di ogni iscritto.

Il provvedimento era stato emesso nel novembre del 2018, quando l’Antitrust aveva accertato che Fb induceva in maniera ingannevole gli utenti a registrarsi sulla piattaforma non informandoli subito ed adeguatamente dell’attività di raccolta dei dati a scopo commerciale e di profilazione. Le informazioni risultavano generiche ed incomplete.

L’Antitrust ora ha accertato che il gruppo non ha provveduto a risolvere la situazione e quindi è scattata la salata multa.

LEGGI ANCHE—> WhatsApp, altra batosta per gli utenti: sono in pericolo

Facebook, quanti rischi per la privacy: Zuckerberg al bivio

Facebook
Facebook

Non è un momento positivo per Mark Zuckerberg, quantomeno a livello mediatico, con problemi di sicurezza e privacy tra Whatsapp ed appunto, Facebook. In questi giorni è salita agli onori della cronaca la notizia riguardante la presenza di 533 milioni, di cui 36 milioni italiani, di profili su un database di un forum di hacker.

LEGGI ANCHE—> Digitale Terrestre, come collegare il decoder ad un vecchio televisore

Di ogni singolo contatto, scoperti numero, email, iscrizione a gruppi e stato sentimentale e lavorativo. Presenti anche nomi di spicco come la sindaca di Roma Virginia Raggi. Tale situazione, contestualmente all’allargarsi del parco di social a disposizione degli utenti, potrebbe mettere in serio rischio l’impero creato da Mark Zuckerberg oltre 16 anni fa. Chissà cosa succederà nei prossimi mesi di questo passo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui