Produzione industriale, calo per oltre il 5% rispetto ad agosto: i dati Istat

0

L’indice della produzione industriale a settembre ha visto una diminuzione del 5,6% rispetto al mese di agosto: i dettagli dell’ultimo rapporto Istat

Posti lavoro persi con Covid

La produzione industriale torna a calare. A settembre, infatti, si stima che l’indice destagionalizzato diminuisca del 5,6% rispetto ad agosto. Nella media del terzo trimestre il livello, però, cresce comunque del 28,6% rispetto al trimestre precedente.

L’indice destagionalizzato rivela diminuzioni congiunturali in tutti i comparti. Abbiamo variazioni in negativo per beni di consumo (-4,8%), beni strumentali (-3,9%), beni intermedi (-1,6%) ed anche in termini di energia (-0,3%).

L’indice complessivo per il mese di settembre diminuisce la tendenza del 5,1% e le flessioni maggiori si hanno per beni strumentali (-7,1%), beni di consumo (-5,7%) e i beni intermedi (-4,2%). Impercettibile la variazione per l’energia che registra un -0,1%.

LEGGI ANCHE—> Just Eat, i rider saranno assunti a partire dal 2021: avranno una paga oraria

Produzione industriale, i settori economici in crescita

Crisi lavoro Italia

I settori delle attività economiche che hanno fatto registrare degli incrementi tendenziali sono l’attività estrattiva (+2,7%), fornitura di gas, energia elettrica, vapore ed aria (+2,0%). Lieve smossa per le altre industrie che guadagnano lo 0,2%.

Allo stesso tempo, le industrie tessili con abbigliamento, pelli ed accessori (-20,8%) hanno registrato forti flessioni. Male anche la fabbricazione di prodotti petroliferi che perdono il 20,4% e la fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (-11,9%).

LEGGI ANCHE—> Bonus Auto, alcuni incentivi in esaurimento: quali sono

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui