Roma, pestano un ragazzo perchè non invitati alla festa: tre arresti

0
37

Roma, pestano un ragazzo perchè non invitati alla festa: tre arresti. La vittima di 28 anni ha perso un occhio per l’aggressione ricevuta

Polizia Roma
Roma, pestano un ragazzo perchè non invitati alla festa: tre arresti (Foto: Pixabay)

Un’altra aggressione ai danni di un ragazzo balza sulle prime pagine di cronaca nelle ultime ore. Il fatto in realtà risale allo scorso luglio, prima dell’omicidio di Willy Monteiro a Paliano e riguarda un giovane di 28 anni di Ladispoli. Il ragazzo era stato picchiato davanti alla sua ragazza a Civitavecchia per un futile motivo. Tre pugili infatti avevano deciso di picchiarlo per non essere stati invitati alla sua festa. La vittima ha perso un occhio a causa dei danni subiti quella sera e ha dichiarato di conoscere i responsabili dell’assalto. Si tratta di due fratelli e del cognato, tutti iscritti alla stessa palestra di pugilato del 28enne.

Emanuele Orefice (33 anni), il fratello Vincenzo Orefice (di 22) e Maximiliano Sebastian Paolella, 33enne di origine argentina, erano tutti di Ladispoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Palloni per i detenuti di Poggioreale, il bel gesto dell’Associazione Un’Infanzia da Vivere

Roma, pestano un ragazzo perchè non invitati alla festa: tre arresti a Ladispoli

arresti Ladispoli
Roma, pestano un ragazzo perchè non invitati alla festa: tre arresti (Foto: Websource)

Le forze dell’ordine hanno accertato anche la complicità della sorella degli aggressori, presente quella sera a Civitavecchia. Le indagini erano partite a fine luglio dopo la denuncia presentata dalla vittima. Nella ricostruzione della storia gli inquirenti hanno identificato il ruolo della ragazza. E’ stata lei ad avvisare i fratelli dopo aver incontrato il 28enne in compagnia della fidanzata. Sembra infatti che i due avessero dei conti da regolare per non essere stati invitati ad una festa organizzata dalla vittima. Una volta arrivati sul posto hanno iniziato a picchiarlo mentre la sorella impediva alla compagna di intervenire in suo aiuto.

Uno degli aggressori era noto alle forze dell’ordine per reati contro la persona, contro il patrimonio e per uso di stupefacenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Lazio, obbligo di mascherine all’aperto: firmata l’ordinanza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui