Covid-19, Francia prende nuove misure: 42 quartieri “rossi”

Covid-19 Francia ha ufficializzato nuove misure per quanto riguarda l’estrema lotta alla malattia che da mesi ha colpito il pianeta. 

Coronavirus Francia
Coronavirus, Francia  (Foto: Getty)

In Francia la situazione legata al Covid-19 è piuttosto critica. Non si rischia un nuovo lockdown, non ancora almeno, fortunatamente, ma il Paese non sta certo benissimo. Sempre più persone stanno contraendo la malattia e la condizione generale del Paese non è di certo tra le migliori d’Europa. Proprio per questo bisogna prestare grandissima attenzione, soprattutto ora che anche lì l’anno scolastico è ripreso e si possono già vedere i primi problemi. Non è raro vedere una scuola chiudere proprio a causa del virus di Wuhan e per questo sempre più persone sono preoccupato di quello che sta facendo e della situazione che verrà nel prossimo futuro. Intanto il governo francese ha deciso di apportare dei cambiamenti nelle misure anti-Covid-19, aggiornando le linee guida e cosa fare per contrastare la malattia.

LEGGI ANCHE —> Berlusconi, il nuovo bollettino medico: “Quadro generale confortante”

Covid-19, Francia prende nuove misure: 42 quartieri “rossi”

La Francia non è ancora un posto sicuro, nessun Paese al mondo lo è. Il Governo di Macron, però, ha ritenuto necessario aggiornare le linee guida per contrastare il Covid-19, prendendo anche delle misure che diminuiscono la stretta in caso di nuovi focolai. Le misure sono tese ad un controllo superiore in aree circoscritte, per impedire che la malattia possa continuare a colpire le zone che per ora sono relativamente più sicure. In particolare, si legge su Sky:

Quarantena ridotta, con un passaggio dai 14 a 7 giorni
Assunzione di 2mila persone per contact tracing
42 dipartimenti sul territorio sono catalogati come “rossi”, essendo ancora fortemente interessati dal virus e quindi da tenere sotto controllo stretto.
Annunciate nuove misure specifiche a Marsiglia, Bordeaux e Guadalupe, dove il Covid-19 è ancora molto presente.

LEGGI ANCHE —>  Coronavirus, studio di Harvard: “Pericoloso anche per i più giovani”