Nuova Zelanda, ergastolo per Brenton Tarrant: uccise 51 musulmani

0
4

Nuova Zelanda, è arrivata la sentenza definitiva per Brenton Tarrant. Il terrorista che uccise 51 musulmani in streaming condannato all’ergastolo

nuova zelanda terrorista brendon tarrant
Nuova Zelanda, condannato all’ergastolo il terrorista Brendon Tarrant (Getty Images)

Lo scorso 15 marzo del 2019, il terrorista Brenton Tarrant – australiano di 28 anni – uccise 51 fedeli musulmani in un centro islamico di Linwood e nella moschea di Noor, a Christchurch. A un anno e mezzo di distanza, dalla Nuova Zelanda è arrivata la sentenza definitiva per il cittadino australiano: ergastolo senza condizionale.

Una decisione storica per il Paese, che mai prima d’ora aveva condannato una persona in questo modo. Il giudice Mander – riporta Il Fatto Quotidiano – ha parlato di: “Un’azione disumana. Quest’uomo ha tolto la vita ad un bimbo di tre anni mentre era aggrappato alle gambe del padre“. Il suo folle gesto ha fatto nascere nascere l’Appello di Christchurch, che ha come obiettivo quello di bloccare ogni contenuto terroristico sui vari social network.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spagna, cameriere preso a morsi da due clienti: il motivo

Nuova Zelanda, la follia di Brenton Tarrant: uccise 51 persone

nuova zelanda terrorista brendon tarrant
Nel 2019 uccise 51 musulmani in diretta streaming su Facebook (Getty Images)

Un folle gesto che ebbe un eco mondiale quello di Brenton Tarrant, cittadino australiano allora 28enne. L’uomo – il 15 marzo 2019 – uccise a sangue freddo 51 fedeli musulmani a Christchurch, utilizzando sei pistole e due AR-15. Ma non solo. A far discutere fu anche la scelta del suprematista bianco di mostrare la terribile strage in diretta streaming su Facebook. Quella giornata portò a diverse conseguenze, che ancora oggi hanno un peso non indifferente.

Inizialmente, i cittadini neozelandesi chiesero a gran voce al governo locale il ban di tutte le armi semi-automatiche nel Paese. Venne poi chiesto un intervento riguardante i protocolli dei social network. Da qui si arrivò all’Appello di Christchurch, firmato – tra gli altri – anche da Donald Trump. A un anno e mezzo di distanza, Tarrant è stato condannato all’ergastolo senza condizionale.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus Usa, inchiesta sui morti nelle case di riposo: chi rischia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui