Matera, inquilini gay minacciati dal proprietario di casa: interviene la polizia

A Matera una coppia di inquilini gay sono stati minacciati di essere cacciati dal proprietario di casa perché omosessuali. La polizia lo denuncia

matera inquilini gay
Coppia gay minacciata a Matera (Getty Images)

Una brutta vicenda di discriminazione arriva da Matera, dove una coppia di inquilini gay è stata vittima di spiacevoli minacce da parte del proprietario della casa. I due uomini vivevano in affitto da qualche mese nell’abitazione, con uno dei due che ha siglato un contratto regolare di locazione dell’immobile. Quando il proprietario ha scoperto che l’inquilino viveva insieme al suo compagno, ha minacciato la coppia di andare via e di lasciare la casa. A quel punto i due hanno chiamato la Polizia, che è intervenuta, denunciando il padrone omofobo in stato di libertà alla magistratura. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti tra l’inquilino e il proprietario non erano mai sorti conflitti e quindi le minacce sarebbero arrivate dopo la scoperta delle relazione omosessuale. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Sei gay”, giovane pestato fuori da una discoteca nel Cesenatico

Matera, coppia di inquilini gay minacciata dal padrone di casa: denunciato dalla Polizia

matera inquilini gay
Lotta contro l’omofobia

Sulla vicenda sta indagando la Procura della Repubblica di Matera, con le indagini condotte dalla Squadra volanti dalla Questura del capoluogo lucano. I due uomini continueranno, dunque, a vivere nella casa dove risiedono regolarmente e dalla quale sono stati minacciati di essere cacciati dal padrone. Una storia che riporta alla luce il problema della discriminazione e dell’omofobia, tornata alla ribalta in questi giorni. Molte polemiche e discussioni hanno sollevato le dichiarazioni della Conferenza Episcopale italiana, che in una nota invita la Commissione di Giustizia alla Camera di non approvare le nuove leggi per penalizzare ulteriormente l’omofobia.

LEGGI ANCHE >>> Giornata contro l’omofobia: il messaggio di Mattarella e Conte