Crispano, vigile aggredito da baby gang: voleva evitare assembramenti

A Crispano, un comune in provincia di Napoli, un vigile è stato aggredito da una baby gang: stava facendo rispettare le misure anti Coronavirus

crispano vigile
Brutto episodio a Crispano, in provincia di Napoli (Facebook)

A Crispano, un piccolo comune in provincia di Napoli, è avvenuto l’ennesimo episodio che fa parecchio discutere. Un vigile urbano, intento a far rispettare le misure di sicurezza anti Coronavirus, si è avvicinato a dei ragazzi, invitandoli ad allontanarsi in quanto erano più del consentito. Di tutta risposta i presenti, membri di una ‘baby gang’, hanno aggredito l’uomo, ferendolo alla testa.

Il sindaco del paesino, Michele Emiliano, ha denunciato l’accaduto sulla sua pagina Facebook, pubblicando la foto del vigile ferito. Secondo la ricostruzione dei fatti, l’uomo si sarebbe avvicinato ai ragazzi anche perché era scattata una rissa violenta. Sono in corso le indagini per identificare i protagonisti del brutto episodio, che saranno denunciati insieme ai loro genitori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fase 2, bar e ristoranti verso la riapertura: arriva nuova autocertificazione

Crispano, il sindaco Emiliano: “È indecente! Un gruppo di ragazzini che rovina lo sforzo di tutti”

crispano vigile
La foto del vigile aggredito a Crispano (Facebook)

Michele Emiliano, sindaco del comune di Crispano (in provincia di Napoli), ha denunciato l’accaduto sul suo profilo Facebook. In allegato alla foto del vigile urbano ferito, il sindaco ha voluto spendere due parole sull’accaduto. “Si tratta di inciviltà allo stato puro” scrive Emiliano: “Un vigile urbano ferito da dei ragazzi… e sarebbe potuta finire anche peggio“. Facendo una breve ricostruzione dei fatti, il primo cittadino di Crispano ha spiegato come l’episodio sia avvenuto nella piazza centrale Falcone e Borsellino.

Una banda di ragazzini in piazza, senza alcun rispetto delle distanze. Quanta inciviltà” ha poi commentato il sindaco, aggiungendo che: “È triste perché poche persone rovinano l’immenso sforzo che sta compiendo tutta la civiltà“. Ancora da capire l’identità dei colpevoli che, una volta identificati, saranno immediatamente denunciati.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid-19, dal 18 maggio via ai test sierologici: cittadini chiamati a campione