Coronavirus, Fontana sull’indagine per le Rsa: “Proposta degli esperti”

0

Coronavirus, Attilio Fontana commenta le indagini della Procura di Milano sulla gestione delle case di riposo. Il presidente della Regione commenta il fascicolo aperto sulla vicenda. 

Coronavirus
Attilio Fontana

Coronavirus, Attilio Fontana commenta l’indagine della Procura di Milano sulla gestione relativa alle case di riposo. Il presidente della Regione Lombardia, intervenuto in collegamento video a ‘Mattino 5’ sui canali Mediaset, si è espresso sul fascicolo aperto per i focolai scoppiati nelle Rsa dopo la decisione della Giunta.

Tutto è iniziato lo scorso 8 marzo. Ovvero quando l’amministrazione regionale, nel pieno della crisi, autorizzò lo spostamento alcuni pazienti contagiati da Covid-19 in alcune case di riposo. Una scelta rivelatasi poi fatale considerando il bilancio di nuovi positivi e deceduti.

coronavirus signora 104 anni
Coronavirus, case di riposo a rischio (Pixabay)

Coronavirus, Fontana commenta la procura sulle case di riposo

Ma Fontana non appare preoccupato dalle indagini: “Io aspetto con estrema serenità l’esito. Abbiamo fatto una delibera che è stata proposta dai nostri tecnici. Sono stati i nostri esperti che ci hanno detto che a determinate condizioni, con reparti completamente isolati dal resto della struttura e con degli addetti concentrati esclusivamente sui pazienti Covid, la cosa si poteva fare”.

Il politico, dunque, evidenzia di aver soltanto eseguito quanto suggerito dagli esperto. E in più, la decisione è avvenuta per una criticità assoluta con le strutture sanitarie territoriali al collasso: “Quindi noi abbiamo fatto questa proposta e le case di riposo che avevano queste condizioni hanno aderito. Non bisogna dimenticare che la scelta non è stata fatta per fare spettacolo, ma perché non avevamo più posto in ospedali per gente che purtroppo non poteva essere curata a casa perché non riusciva a respirare”.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, Zaia annuncia: “In Veneto il lockdown non esiste più”

Se c’è una responsabilità in questa storia è dell’Ats secondo Fontana: “Ripeto: sono stati i nostri tecnici che ci hanno fatto le proposte e che hanno valutato le condizioni delle singole case di riposo. Noi ci siamo adeguati. La responsabilità eventuale è della Ats che si è recata sul posto e che ha valutato se ci fossero o meno le condizioni. Ricordiamo poi che su 705 case di riposo in Lombardia, solo 15 avevano le condizioni e hanno accettato”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui