La Ue boccia il ricorso dei Paesi anti migranti: via libera alla redistribuzione

0

Via libera alla redistribuzione dei migranti. E’ quanto ha deciso la Corte di Giustizia dell’Unione Europea che ha bocciato il ricorso presentato da Slovacchia e Ungheria contro il piano dell’Unione europea sulla ricollocazione dei migranti sbarcati in Italia e in Grecia.

Il meccanismo – ha dichiarato la corte con sede a Lussemburgo – contribuisce a far sì che Italia e Grecia possano affrontare l’impatto della crisi migratoria, ed è proporzionato”.

Il piano prevede così la ricollocazione di 160mila persone di fronte a situazioni d’emergenza che i singoli Paesi che accolgono i migranti non riescano a risolvere come prevede l’articolo 78 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea in base al quale, “qualora uno o più Stati membri debbano affrontare una situazione di emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di cittadini di paesi terzi, il Consiglio, su proposta della Commissione, può adottare misure temporanee a beneficio dello Stato membro o degli Stati membri interessati”.

La decisione, però, era stata impugnata da Ungheria e Slovacchia il cui ricorso, tuttavia, non è stata accolta dalla Corte di Giustizia.

“La decisione da parte della Corte – ha il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto – è irresponsabile e riteniamo che questa decisione minacci la sicurezza di tutta l’Europa”.

La Slovacchia, invece, ha dichiarato che rispetterà la sentenza europea ma ha ribadito che non cambierà politica migratoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui