E’ ad un punto morto il progetto repubblicano di riforma del sistema sanitario negli Stati Uniti, come riportato da rainews.it. Due senatori hanno annunciato il loro parere contrario e questo ha segnato una nuova battuta d’arresto per il presidente degli Usa Donald Trump.

Dopo aver enunciato l’ultima versione sviluppata dai leader della maggioranza, Jerry Moran del Kansas e Mike Lee dello Utah hanno espresso il parere contrario; in questo modo, visti i due no, il progetto ha subito una battuta d’arresto. Su 52 senatori, per approvare la riforma, servono almeno 50 voti favorevoli, mentre ora con questi due nuovi no ce ne sono 48.

La richiesta ai parlamentari da parte di Trump, come si può leggere in un tweet pubblicato dallo stesso presidente, è quella di adottare una soluzione radicale di cambiamento. Trump richiede l’abrogazione totale dell’Obamacare in favore dello svuluppo di un nuovo testo sostitutivo.